Dividendi black list: la maturazione guida la tassazione

26/01/2018 -  Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

La legge di Bilancio 2018 ha modificato la tassazione degli utili che provengono da società partecipate localizzate in Stati o territori aventi un regime fiscale privilegiato - black list. Infatti, con riferimento sia agli utili maturati prima del 2015 e distribuiti nei periodi d’imposta successivi, sia agli utili maturati a decorrere dal 2015, la legge di Bilancio 2018 ha disposto che - al fine di stabilire se tassare gli stessi integralmente o in misura ridotta - è necessario verificare se il Paese di localizzazione della società distributrice si qualifiche come “black list” nel periodo di maturazione dei dividendi. La lettura integrale dell'articolo ...

Decreto fiscale, comunicazioni black list: è vera abrogazione?

29/10/2016 -  Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

Stop alle comunicazioni delle operazioni black list a partire dal periodo d’imposta in corso alla data del 31 dicembre 2017.Si tratta di una delle novità contenute nel decreto fiscale collegato alla legge di Bilancio 2017. A decorrere da tale data, infatti, i soggetti passivi IVA non saranno più tenuti a comunicare annualmente all’Agenzia delle Entrate le operazioni intercorse con soggetti localizzati in Stati a regimi fiscali privilegiati.Sorge, tuttavia, un dubbio: tali operazioni dovranno essere oggetto di comunicazione negli spesometri trimestrali? Se così fosse, i dati relativi alle operazioni black list “uscirebbero della porta per rientrare dalla...

Costi black list, omessa separata indicazione: violazioni pregresse ancora sanzionabili

12/10/2016 -  Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

Obbligo di separata indicazione dei costi black list in dichiarazione: le sanzioni continuano a trovare applicazione per le violazioni commesse in relazione ai periodi d’imposta precedenti. Secondo quanto chiarito dall’Agenzia delle Entrate con la circolare n. 39/E del 2016, nonostante l’abrogazione della disciplina contenuta nell’art. 110 TUIR - a decorrere dal 1° gennaio 2016 - trascini con sé anche l’eliminazione dell’obbligo di separata indicazione degli stessi in dichiarazione e, quindi, anche il connesso regime sanzionatorio, quest'ultimo continua a trovare applicazione per le violazioni pregresse.La normativa relativa alla deducibilit&agr...

La CFC non trascina con sè la deducibilità dei costi black list

29/09/2016 -  Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

Quali sono i rapporti tra la disciplina dei costi black list e la CFC rule? Se ne è occupata la circolare n. 39/E del 2016, nella quale l’Agenzia delle Entrate ha chiarito che, a seguito delle modifiche che hanno interessato le materia sia nel 2015 che nel 2016, nel caso in cui ricorrano le esimenti per la disapplicazione della normativa CFC, ai fini della deducibilità dei costi black list eccedenti il valore normale è necessario valutare il ricorrere delle condizioni previste dall’art. 110, comma 10, del TUIR.Le regole sulla deducibilità dei costi black list non si applicano per le operazioni intercorse con soggetti non residenti cui risulti applicabi...

Costi black list: disciplina non in contrasto con il Modello OCSE

28/09/2016 -  Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

La disciplina dei costi black list vigente fino al 2014 non si poneva in antinomia con la normativa convenzionale e, nello specifico, con la clausola di non discriminazione prevista dal Modello OCSE. Alle stesse conclusioni si deve giungere anche dopo le modifiche apportate dal decreto Internazionalizzazione alla disciplina. Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate nella circolare n. 39/E del 26 settembre 2016, nella quale sono stati forniti chiarimenti in merito alle modifiche normative in materia di deducibilità dei costi sostenuti con imprese residenti in Stati aventi regimi fiscali privilegiati.La normativa sulla deducibilità dei costi black list vigente fino al periodo...

Il nuovo regime di deducibilità dei costi “black list”

16/10/2015 -  Davide Rossetti

Consulenza tributaria e tax compliance

L’art. 5 del D.Lgs. n. 147 del 14 settembre 2015, recante misure per la crescita e l’internazionalizzazione, riforma radicalmente la disciplina della deducibilità dei costi sostenuti nei confronti di operatori localizzati o residenti in Stati o territori a fiscalità privilegiata (c.d. black list) di cui all’art. 110, commi da 10 a 12-bis, del T.U.I.R. La norma ripristina un regime di deducibilità ordinaria dei costi “black list”, nei limiti del valore normale, e rende altresì deducibile l’eventuale eccedenza rispetto al valore normale dei costi qualora sia dimostrato che le operazioni rispondono ad un effettivo interesse economi...


Newsletter

 
Generale e alert

 
Newsletter

Note legali

Morri Rossetti e Associati – Studio Legale e Tributario

Sede legale in Piazza Duse n. 2, Milano, 20122.

C.F. e P. IVA n. 04110250968.

Copyright

Morri Rossetti e Associati – Studio Legale e Tributario opera come associazione professionale sottoposta alla legge italiana.

I contenuti e le informazioni del presente sito sono pubblicati a scopo esclusivamente informativo e divulgativo; si precisa inoltre che gli stessi:

  • non costituiscono un parere legale o altro tipo di consulenza professionale;
  • non sono volti a fini commerciali o all’instaurazione di relazioni con i clienti.

Si declina ogni responsabilità in merito ad azioni o omissioni derivanti dall’utilizzo improprio e all’abuso delle informazioni e degli articoli contenuti nel presente sito.

I contenuti pubblicati nel presente sito sono protetti da diritto di autore, in base alle disposizioni nazionali e delle convenzioni internazionali, e sono di titolarità esclusiva di Morri Rossetti e Associati.

Ogni comunicazione e diffusione al pubblico e ogni riproduzione parziale o integrale, se non effettuata a scopo meramente personale, dei contenuti presenti nel sito richiede la preventiva autorizzazione di Morri Rossetti e Associati.

Accetti termini e codizioni