Rottamazione bis alla prova della convenienza

02/03/2018 -  Francesco Naio, Valentina Cacioni

Consulenza tributaria e tax compliance

Il Collegato fiscale 2018 ha concesso il bis alla rottamazione delle cartelle. Ai contribuenti non resta che porsi qualche interrogativo circa la convenienza o meno di aderire alla definizione agevolata entro il 15 maggio 2018, predisponendo il modello DA 2000-17, valido per tutti i debitori che abbiano un “sospeso” con il Fisco. Nell’ipotesi di preesistenza di una dilazione di pagamento, è preferibile percorrere la strada della compliance Fisco-contribuente o proseguire con i versamenti periodici in essere? Qual è la convenienza in termini di risparmio su interessi e sanzioni per il contribuente? E ancora, meglio rottamare o proseguire nella strada del conten...

Piani di dilazione scaduti al 31 dicembre 2016: quando conviene rottamare?

26/02/2018 -  Francesco Naio, Valentina Cacioni

Consulenza tributaria e tax compliance

Rottamazione bis anche per chi, pur avendo presentato istanza per aderire alla prima edizione della definizione agevolata dei ruoli, è stato escluso perché al 24 ottobre 2016 non era in regola con i piani di rateazione in essere, non avendo corrisposto le rate scadute il 31 dicembre 2016. L’adesione avviene presentando all’Agenzia delle Entrate-Riscossione - entro il 15 maggio 2018 - il modello DA 2000/17. Ora, a pochi mesi di distanza dalla scadenza, si rende quanto mai opportuno ragionare in termini di calcoli di convenienza circa l’adesione alla nuova procedura. Occorre, pertanto, valutare se insistere nella via della compliance con il fisco sia più...

“Fringe benefits”: allargamento delle maglie per il 2018

26/02/2018 -  Roberta De Pirro, Valentina Cacioni

Consulenza tributaria e tax compliance

La legge di bilancio per l’anno 2018 completa la riforma del cd. welfare aziendale, già avviata con la legge di stabilità 2016, ampliando, con decorrenza dal 1° gennaio 2018, il novero delle somme e dei servizi erogabili dal datore di lavoro come fringe benefits non tassati in capo al dipendente.In particolare, è stata prevista l’esclusione dalla formazione del reddito di lavoro dipendente delle somme erogate o rimborsate alla generalità o a categorie di dipendenti dal datore di lavoro per il servizio di trasporto pubblico locale, regionale e interregionale, o delle spese direttamente sostenute dal dipendente. Viene, altresì, introdotta la d...

Semplificazioni nella compilazione degli Intrastat: Assonime fa il punto

23/02/2018 -  Roberta De Pirro, Valentina Cacioni

Consulenza tributaria e tax compliance

Con la Circolare n. 6 del 16 febbraio 2018, Assonime analizza l’insieme delle semplificazioni introdotte nel corso del 2017 relativamente agli elenchi riepilogativi degli scambi intracomunitari (c.d. Intrastat) che si applicano a decorrere dal 1° gennaio 2018. Mettendo in luce alcune modifiche normative non coordinate tra loro, Assonime, innanzitutto, ripercorre i principi comunitari a base della disciplina dettata per l’invio degli elenchi in parola e segnala gli interventi normativi intervenuti nel 2017, soffermandosi, poi, sull’analisi delle singole novità apportate con il Provvedimento n. 194409 emanato dall’Agenzia delle Entrate di concerto con l&...

Peer to peer lending: sui proventi da finanziamento ritenuta del 26%

21/02/2018 -  Roberta De Pirro, Valentina Cacioni

Consulenza tributaria e tax compliance

Ritenuta secca del 26% per i proventi derivanti da attività di finanziamento, svolte attraverso piattaforme online. Così la legge di Bilancio 2018 cerca di dare una spinta allo sviluppo del mercato “alternativo” dei finanziamenti rispetto al canale tradizionale dominato dagli istituti bancari. Intervenendo, in materia di finanziamenti erogati mediante il ricorso a piattaforme web, “piattaforme di peer to peer lending” (il cui sviluppo risulta ancora quantitativamente poco significativo), il legislatore - dopo aver ricondotto i proventi derivanti da tali operazioni nella categoria dei redditi di capitale - ne determina il regime impositivo. Un viatico per...

Utili deliberati nel 2017: incertezze sul regime di tassazione

20/02/2018 -  Roberta De Pirro, Valentina Cacioni

Consulenza tributaria e tax compliance

La legge di bilancio per l’anno 2018 uniforma la tassazione dei redditi di capitale derivanti dal possesso di partecipazioni qualificate percepiti da persone fisiche al di fuori dell’esercizio dell’attività d’impresa a quella dei redditi derivanti da partecipazioni non qualificate: ritenuta alla fonte pari al 26% per i dividendi percepiti a partire dal 1° gennaio 2018.Viene, altresì, previsto un regime transitorio per la distribuzione delle riserve di utili al fine di non penalizzare i soci con partecipazioni qualificate. Va, però, precisato che il legislatore si limita a confermare il precedente regime impositivo per le sole ipotesi di distri...

Rottamazione bis: come compilare il modello DA 2000/17

16/02/2018 -  Francesco Naio, Valentina Cacioni

Consulenza tributaria e tax compliance

Entro il 15 maggio 2018, tutti i contribuenti che intendono accedere alla rottamazione bis per definire i carichi pendenti con l’Erario sono tenuti a presentare apposita istanza, restando manlevati rispetto a sanzioni e interessi di mora. Lo ricorda l’Agenzia delle Entrate-Riscossione nella “Guida alla compilazione del Modello DA 2000-17”, con riferimento alla riapertura della definizione agevolata disposta dal Collegato fiscale 2018. Al fine di rendere effettiva l’adesione alla definizione agevolata, è necessario che il contribuente interessato espleti correttamente tutti i relativi adempimenti. Qual è dunque l’iter procedurale da seguire? L...

Country by Country Reporting: per l’invio tardivo c’è il ravvedimento

09/02/2018 -  Roberta De Pirro, Valentina Cacioni

Consulenza tributaria e tax compliance

Il primo invio del Country by Country Reporting deve essere effettuato entro il termine del 9 febbraio 2018. Ma quali sono le sanzioni applicabili in caso in invio tardivo della rendicontazione paese per paese? L’Agenzia delle Entrate ha fornito alcune indicazioni in proposito, utili a dissipare i dubbi dei contribuenti tenuti all’adempimento. In particolare, per quanti dovessero mancare l’appuntamento del 9 febbraio è possibile ricorrere all’istituto del ravvedimento operoso. L’Agenzia ha reso chiarimenti anche sul soggetto tenuto alla trasmissione in caso di operazioni di acquisizione. La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati ...

Rottamazione bis: l’Agenzia fa il pieno di chiarimenti

07/02/2018 -  Roberta De Pirro, Valentina Cacioni

Consulenza tributaria e tax compliance

In un’ottica di cooperazione fisco-contribuente si pongono le risposte offerte dall’Agenzia delle Entrate dello scorso 1° febbraio, in occasione di un incontro con la stampa specializzata. Da un lato, risposte volte a porre chiarezza su una normativa tanto intricata quanto “urgente” per i contribuenti, dati gli stringenti termini per poter aderire alla seconda edizione della rottamazione, dall’altro, destinate a scandire una serie di comportamenti a cui i debitori saranno tenuti a adeguarsi, al fine di ottenere un legittimo risparmio in termini di interessi di mora e sanzioni. Ebbene, l’Agenzia delle Entrate ha offerto importanti indicazioni su come mu...

Imposta di registro: nuove regole senza effetti retroattivi

03/02/2018 -  Roberta De Pirro, Valentina Cacioni

Consulenza tributaria e tax compliance

Imposta di registro e registrazione degli atti: vale il principio del tempus regit actum. L’Agenzia delle Entrate dissipa ogni possibile dubbio sulla natura novativa (e non interpretativa) della nuova formulazione dell’art. 20 TUR, prevista dalla legge di Bilancio 2018, che non ha pertanto valenza retroattiva. Ma vi è di più: l’Agenzia ha precisato anche che la modifica trova applicazione “con riferimento all’attività di liquidazione dell’imposta effettuata dagli Uffici dell’Agenzia a decorrere dal 1° gennaio 2018”. Le nuove regole, quindi, si applicano anche con riferimento ad operazioni di riorganizzazione aziendale p...


Newsletter

 
Generale e alert

 
Newsletter

Note legali

Il sottoscritto, preso atto dell’informativa qui riportata che dichiara di aver letto in ogni sua parte, inviando la richiesta di sottoscrizione acconsente al trattamento dei propri dati personali, per la finalità di cui al § 4 sezione C per l’iscrizione alla mailing list di Morri Rossetti al fine di ricevere comunicazioni informative e/o pubblicitarie.

Accetti termini e codizioni