Il licenziamento del Dirigente d’azienda

17/07/2019 -  Giovanni Antonio Osnago Gadda

Diritto del lavoro

Le peculiarità del rapporto dirigenziale si riflettono anche in uno dei momenti maggiormente delicati di un rapporto di lavoro, quale è il licenziamento. In particolare, occorre distinguere tra giusta causa, giustificato motivo e giustificatezza. Il Dirigente: natura del rapporto di lavoro L’art. 2095 del Codice Civile individua quattro categorie di prestatori di lavoro – Dirigenti, quadri, impiegati e operai – ma non ne descrive le caratteristiche, tratteggiate, invece, dai contratti collettivi (oltre che dalla giurisprudenza). L’art. 1 del CCNL per i Dirigenti di aziende produttrici di beni servizi (id est, Dirigenti industria), ad esempio, così...

Ammissibilità della domanda di accertamento della legittimità del licenziamento da parte del datore di lavoro

05/03/2019 -  Alessandra Boati

Diritto del lavoro

Anche le controversie introdotte dal datore di lavoro per l'accertamento della legittimità del licenziamento comminato al dipendente ricadono nell'ambito di tutela dell'art. 18 della L. 300/1970 in quanto, essendo tale rito funzionale alla certezza - in tempi ragionevolmente brevi - dei rapporti giuridici di lavoro, va riconosciuta la medesima tutela giurisdizionale ad entrambe le parti del rapporto sostanziale, in base al principio costituzionale di equivalenza nell'attribuzione dei mezzi processuali esperibili. In relazione al medesimo licenziamento, infatti, non potrebbe essere ammessa la possibilità di due giudizi, l'uno, intrapreso dalla parte datoriale, con rito ordinario...

Jobs Act. Consulta: è incostituzionale il criterio di indennizzo per il licenziamento ingiustificato

08/11/2018 -  Alessandra Boati

Diritto del lavoro

È stata pubblicata nella tarda mattinata di oggi la sentenza n. 194/2018 della Corte Costituzionale, che ha dichiarato l'illegittimità dell'articolo 3, comma 1 del Decreto Legislativo 23/2015 sul contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti. Secondo quanto stabilito dalla sentenza della Consulta, il criterio di determinazione dell’indennizzo che spetta al dipendente licenziato ingiustamente, essendo legato esclusivamente alla sua anzianità di servizio, è da ritenersi incostituzionale. La portata della pronuncia odierna è notevole in quanto interessa sia la misura risarcitoria prevista dal Jobs Act del 2015 – di cui costituiva l&r...

Registrazioni effettuate dal dipendente sul luogo di lavoro: le ultime pronunce della Suprema Corte e i precedenti giurisprudenziali

08/10/2018 -  Alessandra Boati

Diritto del lavoro

Due recenti pronunce della Suprema Corte di Cassazione, Cass., sez. lav., 10 maggio 2018, n. 11322, e Cass., sez. lav., ord. 16 maggio 2018, n. 11999, hanno nuovamente posto l'attenzione sul tema delle registrazioni effettuate sul luogo di lavoro da un dipendente all'insaputa degli interlocutori, materia che da sempre è caratterizzata dall'estrema volatilità degli orientamenti giurisprudenziali. Anche le due sentenze in commento confermano questa tendenza, ribadendo una volta di più il necessario intervento delle Sezioni unite, al fine di dirimere la questione in modo definitivo.La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati de Il Giuslavorista ...

Illegittimo il licenziamento del dirigente per fatti emersi dall'istruttoria ma non contestati

06/06/2018 -  Alessandra Boati

Diritto del lavoro

Con la sentenza n. 7426 del 26 marzo 2018, la Suprema Corte ha stabilito che, se idonei ad incidere sul vincolo fiduciario, i comportamenti e gli atti di gestione posti in essere in qualità di amministratore di una società controllata possono portare al licenziamento del dirigente, purché siano in ogni caso oggetto di preventiva contestazione disciplinare, in conformità con le garanzie procedimentali dettate dall’art. 7, L. n. 300/1970. Secondo i giudici di legittimità, infatti, in materia di rapporto di lavoro dirigenziale, ferma l’insussistenza di una piena coincidenza tra le ragioni di licenziamento di un dirigente e di un licenziamento disci...

Appalto, responsabilità solidale ed esternalizzazione irregolari: i chiarimenti dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro

04/06/2018 -  Alessandra Boati

Diritto del lavoro

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro, attraverso le Circolari n. 6 e 7 del 29 marzo 2018, ha affrontato il tema della responsabilità solidale sia nell’ambito degli appalti e dei sub-appalti, sia in ipotesi di sistemi di distacco di dipendenti o “codatorialità”. Con il primo documento, l’INL ha ripreso la sentenza della Corte Costituzionale n. 254 del 6 dicembre 2017 per porre l’attenzione sul principio di solidarietà disciplinato dall’art. 29, comma 2, del D.Lgs. 276/2003, ritenuto costituzionalmente legittimo. Secondo la Corte, infatti, la ratio della norma è quella di evitare che nelle forme contrattuali che prevedono una ...

Recidiva prevista dal CCNL come ipotesi di recesso: il giudice deve in ogni caso valutare la gravità del fatto contestato

26/02/2018 -  Alessandra Boati

Diritto del lavoro

La Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, con la sentenza n. 28417 del 28 novembre 2017, ha ribadito un principio ormai consolidato, secondo il quale la previsione da parte della contrattazione collettiva della recidiva, in relazione a precedenti mancanze, come ipotesi di licenziamento non esclude il potere/dovere del giudice di valutare in ogni caso la gravità dell’addebito ai fini della proporzionalità della sanzione espulsiva. Nel caso di specie, in riforma della sentenza del Tribunale di Trani, la Corte di Appello di Bari ha dichiarato illegittimo il licenziamento per giusta causa intimato ad un lavoratore dopo ripetuti episodi di negligenza nell’esecuzione della ...

Infondatezza del fatto posto a fondamento del licenziamento: scatta la reintegra senza potere di discrezionalità per il giudice

17/10/2017 -  Alessandra Boati

Diritto del lavoro

La previsione contenuta nel novellato art. 18, comma 7, St. Lav., secondo cui il giudice può applicare la disciplina di cui al comma 4 del medesimo articolo, deve essere interpretata nel senso che, in caso di inesistenza del fatto posto alla base del licenziamento e considerati gli elementi del caso concreto, si applichi la reintegra. Al contrario, nel caso in cui sussista il fatto posto alla base del recesso, ma non sia tale da costituire un giustificato motivo di licenziamento, si dovrà applicare la sola tutela risarcitoria. L’inesistenza giuridica del fatto obiettivo presupposto, valutate altresì le circostanze del caso concreto, esclude che la scelta sia rimess...

Transazioni conciliative e rinunce: l’accordo sul TFR non può essere generico

22/09/2017 -  Alessandra Boati

Diritto del lavoro

L’accordo sottoscritto tra le parti in occasione della risoluzione anticipata dal rapporto di lavoro, con il quale il datore si impegnava a corrispondere al dipendente una somma a titolo di rinuncia a far valere eventuali controversie relative al “trattamento di fine rapporto nel suo complesso”, non esclude future rivendicazioni relative all’incidenza dello straordinario sul TFR.A tali conclusioni è arrivata la Corte di Cassazione con la sentenza n. 20976 dell’8 settembre 2017.La vicenda oggetto della suddetta pronuncia prende le mosse dal ricorso presentato in data 13 gennaio 2006 da un dipendente di un’azienda energetica che, premettendo di aver p...

Call center: ultimi chiarimenti dell’Ispettorato Nazionale del Lavoro sui controlli a distanza dei dipendenti

01/08/2017 -  Alessandra Boati

Diritto del lavoro

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro, attraverso la circolare n. 4 del 26 luglio 2017, ha affrontato nuovamente il tema dei controlli a distanza dei lavoratori, regolamentato dall’art. 4 St. Lav., questa volta concentrando l’attenzione sui software applicativi utilizzati nell’ambito dei call center.Poiché la norma, nella sua nuova formulazione, prevede che i c.d. “strumenti di lavoro” - ossia gli strumenti utilizzati dal lavoratore per rendere la prestazione - non necessitino di alcun accordo sindacale o autorizzazione amministrativa per la loro installazione, l’Ispettorato procede analizzando le peculiarità delle diverse tipologie di sis...


Newsletter

 
Generale e alert

 
Newsletter

Note legali

Morri Rossetti e Associati – Studio Legale e Tributario

Sede legale in Piazza Duse n. 2, Milano, 20122.

C.F. e P. IVA n. 04110250968.

Copyright

Morri Rossetti e Associati – Studio Legale e Tributario opera come associazione professionale sottoposta alla legge italiana.

I contenuti e le informazioni del presente sito sono pubblicati a scopo esclusivamente informativo e divulgativo; si precisa inoltre che gli stessi:

  • non costituiscono un parere legale o altro tipo di consulenza professionale;
  • non sono volti a fini commerciali o all’instaurazione di relazioni con i clienti.

Si declina ogni responsabilità in merito ad azioni o omissioni derivanti dall’utilizzo improprio e all’abuso delle informazioni e degli articoli contenuti nel presente sito.

I contenuti pubblicati nel presente sito sono protetti da diritto di autore, in base alle disposizioni nazionali e delle convenzioni internazionali, e sono di titolarità esclusiva di Morri Rossetti e Associati.

Ogni comunicazione e diffusione al pubblico e ogni riproduzione parziale o integrale, se non effettuata a scopo meramente personale, dei contenuti presenti nel sito richiede la preventiva autorizzazione di Morri Rossetti e Associati.

Accetti termini e codizioni