Fondo di dotazione: recenti orientamenti giurisprudenziali

03/08/2018 -  Stefano Guarino, Davide Rossetti

Fiscalità internazionale

Nel verificare l’adeguatezza del fondo di dotazione (“free capital”) delle stabili organizzazioni italiane di banche estere assumono particolare rilievo le metodologie applicate dai verificatori in sede di accertamento, generalmente orientate verso l’applicazione del Quasi Thin Capitalization Approach rispetto alle metodologie “autorizzate” dall’OCSE, in base alle quali il fondo di dotazione viene determinato applicando i principi dell’arm’s length previsti dalle Transfer Pricing Guidelines. Sebbene tale prassi accertativa abbia trovato l’avvallo della giurisprudenza, una recente pronuncia giurisprudenziale fornisce un interessante ...

Società di gestione del risparmio, fondi immobiliari e soggettività tributaria

12/07/2018 -  Stefano Guarino

Fiscalità internazionale

La liquidazione dei fondi immobiliari è stata ogget­to di una disciplina fiscale ad hoc, introdotta dall’art. 32 del D.L. 31 maggio 2010, n. 78 (convertito, con modificazioni, dalla legge 30 luglio 2010, n. 122), in base alla quale la Società di Gestione del Rispar­mio (SGR) è tenuta a prelevare e versare all’erario un importo, a titolo di imposta sostitutiva, calcola­to sul valore netto del fondo. Si pone la questione di identificare se, in quale misura e a quale titolo sia possibile individuare una responsabilità in capo alla SGR nel caso in cui la vicenda tributaria rego­lata dalla disciplina citata assuma tratti patologici (omesso v...

Quando la presenza di obbligazioni a carico dell’agente non configura una stabile organizzazione?

08/05/2018 -  Stefano Guarino

Fiscalità internazionale

Tramite il rapporto di agenzia, l’impresa estera può svolgere il proprio business al di là dei confini Nazionali, esponendosi al rischio di dar vita ad una stabile organizzazione personale ogniqualvolta tra l’agente ed il preponente vi sia un legame di “dipendenza”. Secondo il commentario OCSE costituisce un indice di dipendenza l’assoggettamento dell’agente alle dettagliate istruzioni del preponente. Sembra opportuno coordinare questa conclusione con le caratteristiche peculiari del rapporto di agenzia, come individuate, sia a livello europeo, sia a livello nazionale, che sanciscono l’obbligo dell’agente - soggetto autonomo ed in...

The Principal Purpose Test and the Principle of Good Faith: Two Sides of the Same Coin?

19/01/2018 -  Stefano Morri, Stefano Guarino

Fiscalità internazionale

L’articolo analizza alcune questioni sorte in merito alla vera natura della PPT rule (i.e., la norma antiabusiva generale che introduce il c.d. “Principal Purpose Test”), al rapporto di tale norma con il principio di interpretazione dei trattati secondo buona fede ed alla sua efficacia nel sistema giuridico italiano.In termini generali, la PPT rule è destinata a trovare applicazione nel caso in cui (i) uno degli scopi principali dell’accordo o transazione sia di conseguire un vantaggio derivante da un trattato contro le doppie imposizioni e (ii) il conseguimento di tale vantaggio in base a tali circostanze sia in contrasto con l’oggetto e lo scopo del tra...

Holding pure e beneficial ownership

11/12/2017 -  Davide Rossetti, Stefano Guarino

Fiscalità internazionale

L’attività tipica delle holding consiste nella detenzione delle partecipazioni societarie, preordinata alla mera percezione dei relativi frutti, sotto forma di dividendi o capital gains (“holding statiche o pure”) ovvero ad una gestione dinamica delle stesse nell’ambito di un’attività di direzione e coordinamento delle partecipate (“holding dinamiche”). La “direzione e coordinamento”, che contraddistingue le holding dinamiche, consiste nella definizione di strategie unitarie di gruppo – volte a rendere più efficiente il controllo societario a gestire gli eventuali conflitti che potrebbero verificarsi tra i soci...

La riforma fiscale americana agita le acque del dibattito sulla fiscalità internazionale

08/11/2017 -  Stefano Morri

Fiscalità internazionale

Il dogma della negatività della concorrenza fiscale internazionale, che sembrava dominante, è messo in crisi dalla nuova politica del leader indiscusso dell’economia mondiale. E già si annuncia una spettacolare race to the bottom. Le conseguenze? Una selvaggia riduzione delle tutele welfariane? Non è detto. Certo, bisognerà ripensare al modello tassa e spendi, in specie dove lo spendi sta per il buttare denaro in sistemi sociali inefficienti e deresponsabilzzanti – avete presente gli stuoli di usceri ai ministeri romani? - e non a supporto delle fasce realmente deboli e svantaggiate. L’esperienza della devolution dal centro alla periferia ...

Scambio di informazioni, svizzera e caso berlioz: il sottile confine tra fishing e group expedition

02/11/2017 -  Stefano Guarino

Fiscalità internazionale

La crisi economica dell’ultimo decennio ha indotto gli Stati ad incrementare la ricerca di risorse con cui finanziare le proprie economie. Nell’ambito dei Paesi OCSE, ciò ha rafforzato l’impulso alla collaborazione tra le Amministrazioni fiscali, spingendo Paesi come la Svizzera ad aprirsi verso le richieste di informazioni degli erari stranieri. Così è stato verso il Fisco olandese, alla cui richiesta di informazioni - all’apparenza, fishing expedition - la Confederazione elvetica ha dato corso senza battere ciglio, sulla base di norme e prassi del tutto simili a quelle esistenti con l’Italia. Il che pone urgente il quesito: al contribuente...


Newsletter

 
Generale e alert

 
Newsletter

Note legali

Il sottoscritto, preso atto dell’informativa qui riportata che dichiara di aver letto in ogni sua parte, inviando la richiesta di sottoscrizione acconsente al trattamento dei propri dati personali, per la finalità di cui al § 4 sezione C per l’iscrizione alla mailing list di Morri Rossetti al fine di ricevere comunicazioni informative e/o pubblicitarie.

Accetti termini e codizioni