Affitto di azienda e concordato: l’orientamento assunto dalla Corte d’Appello di Firenze

29/12/2017 -  Stefano Morri, Francesca Giovannardi

Crisi d'impresa

La Corte d’Appello di Firenze con la sentenza del 5 aprile 2017 n. 760 ha affermato che: “un concordato preventivo non può qualificarsi in continuità aziendale ai sensi dell'art. 186-bis l. fall. per il fatto che sia in corso un contratto di affitto di azienda; la fattispecie del concordato con continuità aziendale può, infatti, ravvisarsi solo se esso preveda la prosecuzione dell'attività di impresa e quindi l'assunzione del relativo rischio ed è caratterizzato dalla modalità di adempimento dell'obbligazione di pagamento che presuppone la prosecuzione dell'attività in capo al debitore”.Nel caso di specie, il Tribunale...

Concordato e scioglimento dei contratti pendenti: i criteri guida per l’autorizzazione

19/12/2017 -  Stefano Morri, Francesca Giovannardi

Crisi d'impresa

Il Tribunale di Monza con sentenza del 25 gennaio 2017 ha affermato che: “la prospettiva nella quale va inquadrato lo strumento introdotto dal legislatore con l’art. 169-bis l. fall. non appartiene alla sfera della tutela del contraente in bonis dall’inadempimento del debitore in crisi, bensì a quella della sua funzionalità e strumentalità al modulo concordatario prescelto. Poiché non si tratta comunque di un mero diritto potestativo del debitore, il Giudice investito dell’istanza è tenuto a sentire la controparte ed a valutare l’entità nel caso concreto del sacrificio che subirebbe il contraente in bonis anche in relazi...

Pignoramento di quote: il conflitto tra creditore pignorante ed acquirente va risolto ai sensi dell’art. 2914 n. 1 c.c.

26/10/2017 -  Cristina Cengia, Francesca Giovannardi

Corporate, Finance e Capital Market

La Corte di Cassazione ha affermato che “in tema di pignoramento della partecipazione a società a responsabilità limitata, il conflitto tra creditore pignorante ed acquirente della partecipazione va risolto applicando l'art. 2914 n. 1 c.c., con la conseguenza che non hanno effetto in pregiudizio del primo le alienazioni che siano state iscritte nel Registro delle Imprese successivamente all'iscrizione del pignoramento, senza che rilevi lo stato soggettivo di buona fede, non essendo applicabile il terzo comma dell'art. 2470 c.c.” Nel caso di specie, una società a responsabilità limitata Alfa, titolare di un diritto di credito nei confronti di uno dei pr...

Transazione fiscale e credito IVA: l'evoluzione giurisprudenziale e normativa

17/10/2017 -  Stefano Morri, Francesca Giovannardi

Crisi d'impresa

L’istituto della transazione fiscale, introdotto per la prima volta nel nostro ordinamento con il D.L. 8 luglio 2002 n. 138, è stato oggetto di ampio dibattito e di numerosi interventi giurisprudenziali e normativi prima di assumere l’attuale tenore: la Legge di Bilancio 2017 n. 232 del 21 dicembre 2016 ha infatti emendato l’art. 182-ter l. fall. il quale, rubricato nella versione previgente “Transazione fiscale, assume oggi la nuova formulazione “Trattamento dei crediti tributari e contributivi” e sancisce definitivamente il principio per il quale il debitore, solo ed esclusivamente con il piano di cui all’art. 160 l.fall. accompagnato da tra...

Punitive damages e ordinamento italiano: una prima apertura verso il riconoscimento

13/10/2017 -  Cristina Cengia, Francesca Giovannardi

Corporate, Finance e Capital Market

L’istituto dei punitive damages è sempre meno estraneo agli ordinamenti di civil law che, seppur in limitate ipotesi, offrono un riconoscimento giuridico alla fattispecie. Nel corso dell’ultimo decennio il legislatore italiano è intervenuto introducendo alcune figure di risarcimento del danno – definite da alcuni autori come “ultracompensative” - che presentano elementi per certi versi similari a quelli che contraddistinguono i punitive damages degli ordinamenti di common law. La giurisprudenza di legittimità è sempre stata costante nel ritenere i danni punitivi incompatibili con il sistema interno. Recentemente, tuttavia, con la...

Cessazione CdA per gravi contrasti interni: se lesa la fiducia, non è revoca senza giusta causa

28/09/2017 -  Cristina Cengia, Francesca Giovannardi

Corporate, Finance e Capital Market

Il Tribunale di Milano - Sezione specializzata in materia d’impresa - con la recente sentenza pubblicata il 29 giugno 2017, ha affrontato il tema delle dimissioni della maggioranza dei membri del CdA di una S.p.a. quotata per effetto del venir meno del pactum fiduciae e della conseguente decadenza di tutti i membri dell’organo amministrativo in applicazione di apposita clausola statutaria. Secondo l’orientamento assunto dal collegio, tale ipotesi di cessazione dell’incarico non configura una fattispecie di revoca bensì una decisione unilaterale dei singoli consiglieri.Alcuni (cessati) membri del CdA di una S.p.a. quotata, al contempo membri del comitato esecuti...

La prelazione statutaria non si applica al caso del change of control del socio azionista

06/09/2017 -  Cristina Cengia, Francesca Giovannardi

Corporate, Finance e Capital Market

Il Tribunale di Roma - Sezione specializzata in materia d’impresa - con la recente ordinanza del 9 maggio 2017 ha affrontato il tema dell’operatività della clausola di prelazione statutaria in caso di change of control del socio affermando che tale clausola, quand’anche formulata in modo tale da individuare in termini assai ampi i presupposti per la sua operatività, non trova applicazione nell’ipotesi del mutamento del controllo all’interno della compagine del socio.  Nel caso di specie, lo statuto di una società per azioni Alfa prevedeva una prelazione in favore dei soci per l’acquisto delle partecipazioni azionarie oggetto di tr...

Chiusura dei fallimenti: il Documento del Consiglio Nazionale dei Commercialisti

10/08/2017 -  Cristina Cengia, Francesca Giovannardi

Corporate, Finance e Capital Market

In data 6 giugno 2017 il Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti (CNDC) ha pubblicato un Documento volto ad approfondire le nuove modifiche apportate dal D.L. 27 giugno 2015, n. 83 all’articolo 118 l.fall. che, oggi, prevede la possibilità di chiudere un fallimento anche in presenza di giudizi pendenti.Il CNDC, nel dare atto dell’ampio dibattito sorto intorno al suddetto intervento legislativo, offre un quadro riepilogativo delle prassi delineatesi, focalizzandosi sulle prassi invalse nei tribunali italiani. Il Documento si compone di una prima parte, concernente gli aspetti civilistici-fallimentari e di una seconda, attinente quelli di natura fiscale. Il presente c...

Trattative per la cessione di partecipazioni societarie e responsabilità precontrattuale

27/07/2017 -  Cristina Cengia, Francesca Giovannardi

Corporate, Finance e Capital Market

Il Tribunale di Milano - sezione specializzata in materia d’impresa - con la recente sentenza n. 4927 pubblicata il 4/05/2017 si è espresso in tema di responsabilità precontrattuale per ingiustificata interruzione delle trattative, rafforzando l’orientamento giurisprudenziale secondo cui tale forma di responsabilità si configura quando le negoziazioni siano giunte ad uno stadio tale da ingenerare nelle parti il ragionevole affidamento nella conclusione di un contratto. La pronuncia in analisi si sofferma inoltre sull’aspetto delle conseguenze risarcitorie a fronte dell’ingiustificato abbandono delle trattative ex art. 1337 c.c., individu...

Equity crowdfunding: excursus normativo e applicabilità alle S.r.l. - PMI

26/07/2017 -  Cristina Cengia, Francesca Giovannardi

Corporate, Finance e Capital Market

Il D.L. n. 50/2017 (c.d. Decreto Correttivo) ha esteso alle PMI costituite in forma di S.r.l. la possibilità di accedere all’equity crowdfunding quale forma di finanziamento caratterizzata dalla sottoscrizione on line, mediante offerta al pubblico, di partecipazioni al capitale sociale dell’impresa finanziata. L’intervento è stato compulsato dall’esigenza, sempre più marcata, di delineare un sistema economico più flessibile e, contemporaneamente, sopperire agli ostacoli pratici che si frappongono tra le piccole e medie imprese e l’accesso al mercato dei capitali.La novella correttiva ha determinato un notevole impatto su alcune dispos...


Newsletter

 
Generale e alert

 
Newsletter

Note legali

Morri Rossetti e Associati – Studio Legale e Tributario

Sede legale in Piazza Duse n. 2, Milano, 20122.

C.F. e P. IVA n. 04110250968.

Copyright

Morri Rossetti e Associati – Studio Legale e Tributario opera come associazione professionale sottoposta alla legge italiana.

I contenuti e le informazioni del presente sito sono pubblicati a scopo esclusivamente informativo e divulgativo; si precisa inoltre che gli stessi:

  • non costituiscono un parere legale o altro tipo di consulenza professionale;
  • non sono volti a fini commerciali o all’instaurazione di relazioni con i clienti.

Si declina ogni responsabilità in merito ad azioni o omissioni derivanti dall’utilizzo improprio e all’abuso delle informazioni e degli articoli contenuti nel presente sito.

I contenuti pubblicati nel presente sito sono protetti da diritto di autore, in base alle disposizioni nazionali e delle convenzioni internazionali, e sono di titolarità esclusiva di Morri Rossetti e Associati.

Ogni comunicazione e diffusione al pubblico e ogni riproduzione parziale o integrale, se non effettuata a scopo meramente personale, dei contenuti presenti nel sito richiede la preventiva autorizzazione di Morri Rossetti e Associati.

Accetti termini e codizioni