Comunicazioni trimestrali: dall’incrocio dei dati al controllo preventivo della dichiarazione IVA

 - 

Tax advisory and tax compliance

La finalità sottesa alla sostituzione dello spesometro annuale con quello trimestrale e alla previsione dell’invio trimestrale dei dati relativi alle liquidazioni periodiche IVA effettuate è quella di dissuadere i contribuenti dal porre in essere eventuali fenomeni fraudolenti. Infatti, l’attività di controllo incrociato di tali dati da parte dell’Agenzia delle Entrate ed il confronto con il contribuente sugli stessi permette a quest’ultimo di inviare la dichiarazione annuale IVA su cui è stato già effettuato un controllo. Pertanto, a seguito della presentazione della dichiarazione, non dovrebbero quindi palesarsi brutte sorprese.

Il decreto fiscale (D.L. n. 193/2016) collegato alla legge di Bilancio 2017 ha rimodulato in maniera significativa la disciplina relativa agli adempimenti comunicativi che i soggetti passivi IVA sono tenuti ad effettuare.

La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati del Quotidiano Ipsoa, per maggiori informazioni clicca qui.