Iper-ammortamento: costi rilevanti e data entro la quale redigere la perizia

Tax advisory and tax compliance

L’Agenzia delle entrate, con Risoluzione n. 152/E/2017, ha fornito chiarimenti sulla determinazione degli investimenti agevolabili ai fini dell’iper-ammortamento, nonché sui termini per l’acquisizione della perizia tecnica giurata da parte dell’impresa.

Ai fini della quantificazione degli investimenti, l’Agenzia ha precisato che concorrono anche gli oneri accessori di diretta imputazione all’installazione di un macchinario presso il sito aziendale (i.e. piccole opere murarie).

Allo stesso modo, sono agevolabili, seppur nel solo limite forfetario del 5% del costo del bene principale, i costi sostenuti per le attrezzature ed altri accessori, caratterizzanti dotazione ordinaria del bene, ove assolutamente necessari al suo funzionamento.

Quanto poi al termine entro il quale il professionista incaricato deve redigere e consegnare alla società la perizia di stima, l’Agenzia ha precisato che questi deve consegnarla entro la data del 31 dicembre 2017, nel caso in cui nel corso di tale esercizio siano stati acquistati ed interconnessi beni che possono usufruire dell’iper-ammortamento.

La consegna entro il 31 dicembre 2017 della perizia asseverata e la sua acquisizione da parte dell'impresa deve risultare da un atto avente data certa: ad esempio, invio della perizia in plico raccomandato senza busta o invio della stessa tramite posta elettronica certificata (Pec).

Il giuramento della medesima può essere effettuato dal professionista, anche presso un notaio, nei primi giorni successivi al 31 dicembre 2017.

 

Rif. Agenzia delle entrate, Risoluzione del 15 dicembre 2017, n. 152/E