Le spese di viaggio e trasporto pagate dal committente non saranno più compensi in natura

 - 

Tax advisory and tax compliance

Le prestazioni di viaggio e trasporto prepagate dal committente non costituiscono più compensi in natura per il professionista. È quanto prevede l'articolo 7-quater, comma 5, inserito in sede di conversione del Dl 193/2016. Tale previsione, che si applica a decorrere dal periodo d’imposta in corso al 31 dicembre 2017, fa seguito a quella introdotta dall'articolo 10 del Dlgs 175/2014  (decreto semplificazioni fiscali) il quale è già intervenuto sulla determinazione del reddito di lavoro autonomo, sostituendo il secondo periodo dell’articolo 54, comma 5, del Dpr 917/1986 riguardante il trattamento fiscale delle spese di vitto e alloggio sostenute direttamente dal committente.

La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati del Quotidianodelfisco.