Voluntary disclosure bis senza rischi di doppia imposizione

 - 

Tax advisory and tax compliance

Chi partecipa alla voluntary disclosure bis può detrarre le imposte pagate all’estero a titolo definitivo relative a redditi di lavoro dipendente e autonomo in caso di omessa presentazione della dichiarazione o di omessa indicazione dei redditi esteri. Si tratta dei casi in cui il contribuente non ha presentato la dichiarazione dei redditi in Italia, ma ha correttamente adempiuto agli obblighi fiscali nel Paese dove ha svolto l’attività lavorativa. Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate nella circolare n. 21/E/2017. La possibilità di detrarre le imposte pagate all’estero vale anche per gli atti non ancora definiti emanati nell’ambito della prima edizione della voluntary.

La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati del Quotidiano Ipsoa, per maggiori informazioni clicca qui.

Voluntary bis