Voluntary disclosure – bis

Tax advisory and tax compliance

Sono riaperti i termini per aderire alla collaborazione volontaria (c.d. voluntary disclosure-bis).

Violazioni sanabili e termini per l’accesso alla voluntary-bis
Sono sanabili le violazioni degli obblighi di dichiarazione degli investimenti all’estero e delle attività di natura finanziaria detenute all’estero (c.d. “monitoraggio fiscale”) e di quelli relativi alla dichiarazione delle imposte sui redditi, relative addizionali, imposte sostitutive, IRAP, IVA, dichiarazione dei sostituti d'imposta, commesse sino al 30 settembre 2016.

Effetti della procedura
L’adesione alla procedura comporta:

  • la riduzione di un quarto o della metà (in base alle diverse previsioni normative) delle sanzioni previste per la violazione del monitoraggio fiscale (determinate ai fini della procedura nel minimo edittale);
  • la riduzione di un quarto delle sanzioni in materia di imposte sui redditi e relative addizionali, di imposte sostitutive, IRAP, IVA e ritenute (determinate ai fini della procedura nel minimo edittale).

 Termini di accertamento
Per le sole attività oggetto di collaborazione volontaria la procedura comporta un’estensione dei termini di accertamento che scadono dal 1 gennaio 2015, al 31 dicembre 2018. Viene inoltre prorogato al 30 giugno 2017 il termine per la liquidazione delle istanze presentate nel 2015 relative alla prima edizione della voluntary disclosure.

Esonero da RW e da dichiarazione dei redditi
Per il 2016 e per la frazione del periodo d'imposta antecedente alla data di presentazione dell'istanza, viene previsto l’esonero dalla:

  • presentazione del quadro RW;
  • indicazione in dichiarazione dei redditi delle attività suscettibili di generare redditi soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d'imposta o ad imposta sostitutiva delle imposte sui redditi nonché dei redditi derivanti dall'investimento in azioni o quote di fondi comuni di investimento non conformi alla direttiva 2009/65/CE, per i quali è versata l'IRPEF con l'aliquota massima oltre alla addizionale regionale e comunale.

Tale esenzione si applica a condizione che le informazioni siano analiticamente illustrate nella relazione di accompagnamento.

Versamenti
Gli effetti della procedura si producono con il versamento delle somme dovute nei termini e con le modalità indicate.  Gli autori delle violazioni possono provvedere spontaneamente in unica soluzione o in tre rate mensili di pari importo; in tal caso il pagamento della prima rata deve essere effettuato entro il 30 settembre 2017. Non è ammessa la compensazione.

Contanti e valori al portatore
Se la collaborazione volontaria ha ad oggetto contanti o valori al portatore i contribuenti devono rilasciare una dichiarazione in cui attestano l’origine di tali valori.

Rif. Decreto Legge 22 ottobre 2016, n. 193, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 24 ottobre 2016, n. 249