Sequestro: la deroga alla sospensione feriale dei termini si estende ai reati tributari

01/03/2019 -  Francesco Rubino, Chiara Langè

Diritto penale dell’economia e dell’impresa

Con ordinanza del 6 settembre 2018 il tribunale di Pavia ha rigettato la richiesta di riesame reale avverso il decreto di sequestro preventivo emesso in data 20 luglio 2018 nei confronti di B.G., in relazione ai reati di cui agli artt. 416, commi 1 e 2, 81 cpv., 603-bis, comma 1, n. 1, comma 2, comma 3 nn. 1, 2, 3, comma 4, n. 1 e 110 c.p.; 10-quater nn. 2, 4, 5 e 10-ter d.lgs. 74/2000, in uno con l'applicazione della misura della custodia cautelare in carcere. Il sequestro preventivo era finalizzato alla confisca diretta dei beni delle società coinvolte, costituenti profitto di reato, fino alla concorrenza di euro 14.803.842, corrispondente all'imposta evasa e, in caso di mancato rep...

Vaccinazioni, i problemi applicativi per le scuole

14/01/2019 -  Francesco Rubino, Chiara Langè

Diritto penale dell’economia e dell’impresa

Oggi il tema delle vaccinazioni è estremamente complesso e controverso. La causa di tale confusione è innanzitutto la normativa di settore vigente: la legge 119/2017, infatti, impone una serie di adempimenti formali in capo ai dirigenti scolastici senza disciplinare in alcun modo i profili sostanziali relativi alla tutela della salute degli iscritti, che risultano inscindibilmente connessi a tali adempimenti. A ciò si aggiunga il fatto che le successive circolari ministeriali in materia di adempimenti vaccinali non hanno contribuito in maniera efficace a colmare tali lacune essendo le stesse spesso di difficile comprensione ed applicazione. L'eccesso di adempimenti forma...

Sequestro preventivo e reati tributari. Quando risponde il legale rappresentante con il suo patrimonio?

29/12/2017 -  Francesco Rubino, Chiara Langè

Diritto penale dell’economia e dell’impresa

La Corte di Cassazione con la sentenza del 12 luglio 2017 n. 45552 ha affermato che “in tema di omesso versamento di ritenute dichiarate o certificate ex art. 10-bis d.lgs. 74/2000 commesso dal legale rappresentante di una società, può essere disposto il sequestro preventivo per equivalente sui beni della persona fisica del soggetto attivo del reato laddove emerga un'oggettiva situazione di illiquidità della persona giuridica e il profitto del reato non risulti nella disponibilità della società”. La vicenda coinvolge il legale rappresentante di una società per azioni, imputato del reato di cui all'art. 10-bis d.lgs. 74/2000, nei confronti...

Infortuni sul lavoro. L'indicazione del rischio salva il "Responsabile servizio prevenzione" dalla responsabilità penale?

20/12/2017 -  Francesco Rubino, Chiara Langè

Diritto penale dell’economia e dell’impresa

La Corte di Cassazione ha affermato che: “non è configurabile la responsabilità penale in capo al responsabile del servizio di prevenzione e protezione (R.S.P.P.) per il reato di lesioni colpose aggravato dalla violazione antinfortunistica ex art. 590, comma 2, c.p. e aggravato ex art. 61, comma 3, c.p., qualora questi abbia diligentemente valutato e, conseguentemente segnalato, tramite un documento di valutazione rischi (D.V.R.) completo e idoneo, i fattori di rischio presenti in azienda, con ciò adempiendo all'obbligo, sullo stesso gravante in forza della posizione di garante ascrittagli di impedire l'evento (Ipotesi in cui la Suprema Corte ha dichiarato inammiss...

La tutela del minore nell’era del cyberbullismo: l’attivazione del procedimento penale e le digital investigations

20/12/2017 -  Francesco Rubino, Chiara Langè

Diritto penale dell’economia e dell’impresa

A partire dagli anni 2000, con l’avvento delle nuove tecnologie e l’espansione della comunicazione elettronica e online sono sorte al fianco dell’identità personale innumerevoli identità digitali, costituite dall’insieme di dati personali e informazioni presenti nell’ambiente virtuale del web (o cyberspazio) relativi ad un soggetto o ente. È in tale contesto che è avvenuto il trasferimento online del fenomeno antisociale del bullismo, nota forma di comportamento consistente in un’aggressione o molestia fisica o psicologica ripetuta nei confronti di una o più vittime considerate dal soggetto agente come...

L’evoluzione del bullismo, dai banchi di scuola al web

07/11/2017 -  Francesco Rubino, Chiara Langè

Diritto penale dell’economia e dell’impresa

A partire dagli anni 2000, il fenomeno del bullismo si è trasferito on-line: la diffusione tra i giovanissimi del linguaggio Web 2.0 ha trasformato il bullismo “tradizionale” in una forma più subdola e pericolosa perché più immediata, anonima ed esponenzialmente amplificata.Il cyberbullo, celandosi dietro al suo “profilo” ed al device, può colpire la vittima con un'aggressività e con un'estensione impensabili nella vita reale. Questa nuova piaga sociale impone l'adozione di mezzi e strumenti adeguati per neutralizzare le terribili conseguenze che si ripercuotono sulle vittime.La scuola diventa attore primario dell'educazione e...

La dichiarazione fiscale integrativa può essere fraudolenta?

05/09/2017 -  Francesco Rubino, Chiara Langè

Diritto penale dell’economia e dell’impresa

La Suprema Corte ha ritenuto irrilevante, agli effetti della configurabilità del reato di dichiarazione infedele previsto dall’art. 4 d.lgs. 74/2000, la presentazione della c.d. dichiarazione integrativa, successiva a quella annuale, anche qualora quest’ultima indichi un fatturato tale da superare le soglie di punibilità stabilite dalla norma. L’accezione “annuale” – a giudizio della Corte di Cassazione – esclude qualunque altro tipo di dichiarazione e delimita l’ambito applicativo della fattispecie penale in questione sia sotto il profilo della condotta perpetrata, sia con riferimento al momento consumativo del reato. La norma in...

La lotta al cyberbullismo diventa legge

07/06/2017 -  Francesco Rubino, Chiara Langè

Diritto penale dell’economia e dell’impresa

La Camera dei deputati, nella seduta del 17 maggio 2017, ha approvato in via definitiva la proposta di legge A.C. 3139-B, volta alla prevenzione e al contrasto del fenomeno del cyberbullismo, ossia qualunque forma di aggressione o denigrazione realizzata in danno di minori attraverso “un uso inappropriato della rete, realizzato fuori dal controllo degli adulti”.Si tratta di una normativa di estrema novità nel panorama legislativo italiano, in quanto per la prima volta vengono tipizzate misure di carattere educativo e formativo destinate sia alle vittime che agli autori degli illeciti e volte a favorire una maggior consapevolezza tra i giovanissimi del disvalore di comporta...

Cybersecurity: l’Italia vara un nuovo piano nazionale

07/06/2017 -  Francesco Rubino, Chiara Langè

Diritto penale dell’economia e dell’impresa

A distanza di pochi mesi dal DPCM 17 febbraio 2017, l’Italia ha varato il nuovo Piano Nazionale per la protezione cibernetica e la sicurezza informatica. Il documento, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 31 maggio 2017, è il risultato di un lavoro collegiale tra tutte le amministrazioni che compongono l’architettura nazionale cyber (Comparto intelligence, Ministeri degli Affari esteri, Interno, Difesa, Giustizia, Economia, Sviluppo economico, Agenzia per l’Italia digitale (AgID) e Ufficio del Consigliere militare di Palazzo Chigi) ed individua gli indirizzi operativi, gli obiettivi da conseguire e le linee d’azione da porre in essere per dare concreta attuazion...

L'inerzia dell'amministratore di sostegno assume valenza penale

23/05/2017 -  Chiara Langè, Francesco Rubino

Diritto penale dell’economia e dell’impresa

La condotta dell’amministratore di sostegno che omette di adempiere al deposito del rendiconto finale delle sue attività integra il reato di cui all’art. 328 co. 1 c.p. L’omissione del provvedimento di cui si sollecita la tempestiva adozione costituisce un reato di pericolo in quanto incide su beni di valore primario tutelati dall’ordinamento, nella specie da compiere per ragioni di giustizia e senza ritardo, indipendentemente dallo specifico atto e dal nocumento che possa derivarne. La Suprema Corte ha ritenuto sussistente la fattispecie delittuosa de quo, sottolineando il carattere indebito del rifiuto da parte dell’amministratore di sostegno di compier...


Newsletter

 
Generale e alert

 
Newsletter

Note legali

Morri Rossetti e Associati – Studio Legale e Tributario

Sede legale in Piazza Duse n. 2, Milano, 20122.

C.F. e P. IVA n. 04110250968.

Copyright

Morri Rossetti e Associati – Studio Legale e Tributario opera come associazione professionale sottoposta alla legge italiana.

I contenuti e le informazioni del presente sito sono pubblicati a scopo esclusivamente informativo e divulgativo; si precisa inoltre che gli stessi:

  • non costituiscono un parere legale o altro tipo di consulenza professionale;
  • non sono volti a fini commerciali o all’instaurazione di relazioni con i clienti.

Si declina ogni responsabilità in merito ad azioni o omissioni derivanti dall’utilizzo improprio e all’abuso delle informazioni e degli articoli contenuti nel presente sito.

I contenuti pubblicati nel presente sito sono protetti da diritto di autore, in base alle disposizioni nazionali e delle convenzioni internazionali, e sono di titolarità esclusiva di Morri Rossetti e Associati.

Ogni comunicazione e diffusione al pubblico e ogni riproduzione parziale o integrale, se non effettuata a scopo meramente personale, dei contenuti presenti nel sito richiede la preventiva autorizzazione di Morri Rossetti e Associati.

Accetti termini e codizioni