Continuità indiretta e procedure competitive: due termini inconciliabili?

20/11/2019 -  Stefano Morri

Nel presente contributo l'autore analizza la disciplina introdotta dal nuovo codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza in tema di concordato preventivo in continuità indiretta e ne esamina...

Leggi di più

Procedimento di ripartizione: l’interpretazione offerta dal Tribunale di Modena al comma 1 dell’art. 110 l.fall.

08/08/2019 -  Stefano Morri

Nel procedimento di ripartizione, ai sensi del novellato art. 110 l.fall., il creditore opponente deve avere la possibilità di ottenere anticipatamente l’assegnazione delle somme previo r...

Leggi di più

L’ammissione allo stato passivo del credito per contribuzione relativa alla gestione separata

05/08/2019 -  Stefano Morri

Il decreto in esame, con cui il Tribunale di Novara ha rigettato l’opposizione allo stato passivo proposta dall’Inps, s’innesta nell’ambito del filone giurisprudenziale che, in...

Leggi di più

IVA: rivalsa anche senza atto impositivo

14/11/2019 -  Davide Rossetti, Roberta De Pirro

L’Agenzia delle entrate, con la risposta ad interpello 28 agosto 2019, n. 349, ha riconosciuto la possibilità di esercitare la rivalsa anche con riferimento all’IVA versata a seguit...

Leggi di più

Plastic tax con bonus di 20.000 euro per le imprese che si adeguano

14/11/2019 -  Roberta De Pirro

La legge di Bilancio 2020 introduce la tassa sui manufatti in plastica con singolo impiego - MACSI. La misura, che ha lo scopo di disincentivare i prodotti monouso e promuovere materie compostabili ed...

Leggi di più

Sugar tax: le bevande diventano un po' più amare

13/11/2019 -  Roberta De Pirro

La legge di Bilancio 2020 prevede l’introduzione di un’imposta sul consumo di bevande con zuccheri aggiunti, la sugar tax. L’imposta colpisce le bevande edulcorate, ossia le bevande ...

Leggi di più

Big data: senza tutele giuridiche a rischio l’economia digitale Ue

12/12/2019 -  Federica Minio, Giulia Castelli

TMT e Data Protection

Big Data sono considerati il motore dell’economia digitale, in grado di manifestare il loro enorme potenziale economico non tanto nel singolo dato, quanto nella possibilità di elaborare, organizzare e analizzare i dati nel loro complesso attraverso l’utilizzo di software e algoritmi i quali, di volta in volta, possono generare un’informazione diversa e nuova rispetto a quella di partenza la quale concede, a chi la detiene, un vantaggio economico potenzialmente immenso. Ad oggi però, gli strumenti di tutela predisposti dal nostro ordinamento non sembrerebbero in grado di tutelare i Big Data e i risultati che sono diretta conseguenza del...

La responsabilità del prestanome per le violazioni tributarie commesse dall'amministratore di fatto

04/12/2019 -  Francesco Rubino, Elisa Mazzucchelli

Diritto penale dell’economia e dell’impresa

In tema di omessa presentazione della dichiarazione, l'amministratore di diritto della società, che svolga, in presenza di un amministratore di fatto, il ruolo di mero prestanome, è da ritenersi responsabile del reato di cui all'art. 5 d.lgs. 74/2000 solo qualora sussista la prova dell'intento di evadere le imposte attraverso l'inadempimento dichiarativo, non essendo invero sufficiente ai fini di una pronuncia condannatoria la mera assunzione dell'incarico di amministratore di diritto.La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati de Il Penalista - Giuffrè, per maggiori informazioni clicca qui.

Composizioni floreali, ikebana, bouquet… e diritto d’autore

27/11/2019 -  Federica Minio

Diritto dell’arte e dei beni culturali

Questa è la stagione degli anemoni, i miei fiori preferiti (meravigliosi nel colore blu violaceo), così mi capita spesso in questo periodo dell’anno di cercarli istintivamente con gli occhi nelle vetrine dei negozi di fiori. L’altro giorno mi aggiravo nei pressi di uno dei fioristi più capaci (a mio parere) di Milano, così mi sono avvicinata per sbirciare se per caso avesse esposta questa varietà. Non ce ne era traccia, ma il mio occhio è stato ugualmente appagato: facevano infatti capolino in vetrina squisite composizioni floreali, equilibrate nell’accostamento dei colori e delle varietà autunnali dei fiori e delle erbe...

Legittimità della clausola di riscattabilità delle azioni del socio inattivo: la massima I.H.29 del Triveneto

26/11/2019 -  Cristina Cengia, Fabrizio Rosso

Corporate, Finance e Capital Market

Il 28 settembre 2019 il Comitato Interregionale dei Consigli Notarili delle Tre Venezie ha riportato all’attenzione degli interpreti il tema dell’esclusione del socio a causa della mancata partecipazione, per un periodo di tempo significativo, all’attività assembleare. Se nelle s.r.l. l’estromissione del socio assenteista può realizzarsi mediante un’apposita clausola di esclusione (si veda la massima I.H.20), nelle s.p.a. i Notai del Triveneto individuano, con la massima H.I.29 oggetto del presente contributo, quale strumento idoneo al conseguimento del medesimo obiettivo le azioni riscattabili, istituto introdotto dalla riforma del diritto societa...

Continuità indiretta e procedure competitive: due termini inconciliabili?

20/11/2019 -  Stefano Morri

Crisi d'impresa

Nel presente contributo l'autore analizza la disciplina introdotta dal nuovo codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza in tema di concordato preventivo in continuità indiretta e ne esamina il rapporto con il sistema delle procedure competitive. Due norme sembrano aprire un pertugio nel sistema chiuso del dogma delle procedure competitive. Si tratta dell'art. 84, secondo comma, CCI e dell'art. 94, ultimo comma CCI. Il primo consente al debitore, che voglia proporre un concordato in continuità indiretta, di affittare l'azienda anche prima della presentazione del ricorso che apre la procedura concordataria; il secondo consente al tribunale di autorizzare la cessione dell'azie...

IVA: rivalsa anche senza atto impositivo

14/11/2019 -  Davide Rossetti, Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

L’Agenzia delle entrate, con la risposta ad interpello 28 agosto 2019, n. 349, ha riconosciuto la possibilità di esercitare la rivalsa anche con riferimento all’IVA versata a seguito della definizione agevolata di un processo verbale di constatazione ai sensi dell’art. 1 del D.L. n. 119/2018. Nello specifico, l’Agenzia ha chiarito che, nonostante l’art. 60, comma 7, del D.P.R. n. 633/1972, ammetta l’esercizio della rivalsa soltanto dell’imposta o della maggiore imposta relativa ad avvisi di accertamento o di rettifica, è comunque ammessa la rivalsa della maggiore IVA versata dal contribuente all’esito di contestazioni fiscali, pur...

Plastic tax con bonus di 20.000 euro per le imprese che si adeguano

14/11/2019 -  Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

La legge di Bilancio 2020 introduce la tassa sui manufatti in plastica con singolo impiego - MACSI. La misura, che ha lo scopo di disincentivare i prodotti monouso e promuovere materie compostabili ed eco compatibili, si traduce, di fatto, nell’applicazione di 1 euro su ogni kg di plastica contenuta nei MACSI. Alle imprese attive nel settore delle materie plastiche è riconosciuto un credito d'imposta pari al 10% delle spese sostenute, dal 1° gennaio 2020 al 31 dicembre 2020, per l'adeguamento tecnologico finalizzato alla produzione di manufatti biodegradabili e compostabili. La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati del Quotidiano Ipsoa.

Sugar tax: le bevande diventano un po' più amare

13/11/2019 -  Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

La legge di Bilancio 2020 prevede l’introduzione di un’imposta sul consumo di bevande con zuccheri aggiunti, la sugar tax. L’imposta colpisce le bevande edulcorate, ossia le bevande analcoliche sia destinate direttamente alla vendita, sia utilizzate, previa diluizione, per la realizzazione di prodotti finiti destinati al consumo alimentare umano. La sugar tax - fissata nella misura di 10 euro per ettolitro per i prodotti finiti, e di 0,25 euro per Kg, per i prodotti predisposti ad essere utilizzati previa diluizione - è determinata sulla base degli elementi indicati nella dichiarazione mensile che il soggetto obbligato deve presentare, ai fini dell'accertamento, entr...

Rivalutazione più conveniente per i beni d’impresa

11/11/2019 -  Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

La legge di Bilancio del 2020 riapre ancora una volta i termini per la rideterminazione del valore di quote e terreni da parte delle persone fisiche e quelli per la rivalutazione dei beni d’impresa, rimodulando, però, la misura delle imposte sostitutive. Con riferimento alla rivalutazione delle partecipazioni e dei terreni si prevede l’applicazione dell’aliquota unica dell’11% sia con riguardo alle partecipazioni qualificate e non, sia per i terreni. Relativamente alla rivalutazione dei beni d’impresa, la legge di Bilancio rimodula al ribasso le aliquote per l’affrancamento dei valori dei beni, prevedendo il 12% per quelli ammortizzabili e il 10% pe...

Auto aziendali: aumenta la tassazione del fringe benefit

07/11/2019 -  Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

Maxi stangata in arrivo per i dipendenti ai quali sono concesse in uso promiscuo le auto aziendali. Ma secondo le ultime indiscrezioni potrebbe essere ridimensionata. Infatti, ai fini della determinazione del fringe benefit non si dovrebbe più tener conto del 30 per cento dell’importo corrispondente a una percorrenza convenzionale di 15.000 km calcolata sulla base del costo chilometrico di esercizio desumibile dalle tabelle ACI, bensì del 60 per cento dell’importo (in luogo del 100 per cento previsto nelle prime versioni della norma). La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati de IlQuotidiano Ipsoa, per maggiori informazioni clicca qui.


Newsletter

 
Generale e alert

 
Newsletter

Note legali

Morri Rossetti e Associati – Studio Legale e Tributario

Sede legale in Piazza Duse n. 2, Milano, 20122.

C.F. e P. IVA n. 04110250968.

Copyright

Morri Rossetti e Associati – Studio Legale e Tributario opera come associazione professionale sottoposta alla legge italiana.

I contenuti e le informazioni del presente sito sono pubblicati a scopo esclusivamente informativo e divulgativo; si precisa inoltre che gli stessi:

  • non costituiscono un parere legale o altro tipo di consulenza professionale;
  • non sono volti a fini commerciali o all’instaurazione di relazioni con i clienti.

Si declina ogni responsabilità in merito ad azioni o omissioni derivanti dall’utilizzo improprio e all’abuso delle informazioni e degli articoli contenuti nel presente sito.

I contenuti pubblicati nel presente sito sono protetti da diritto di autore, in base alle disposizioni nazionali e delle convenzioni internazionali, e sono di titolarità esclusiva di Morri Rossetti e Associati.

Ogni comunicazione e diffusione al pubblico e ogni riproduzione parziale o integrale, se non effettuata a scopo meramente personale, dei contenuti presenti nel sito richiede la preventiva autorizzazione di Morri Rossetti e Associati.

Accetti termini e codizioni