Accesso a banche dati on line: IVA al 4%

Consulenza tributaria e tax compliance

L’Agenzia delle entrate, con Risoluzione n. 120/E/2017, ha precisato che la messa a disposizione, da parte di una banca dati, di prodotti editoriali aventi le caratteristiche di giornali, notiziari quotidiani, dispacci delle agenzie stampa, libri e periodici, muniti del codice ISBN o ISSN, sconta l’IVA con l’aliquota del 4% ai sensi del n. 18, della tabella A, parte II, allegata al DPR n. 633/1972. E ciò nel presupposto che si tratti di una banca dati bibliografica, le cui funzionalità di ricerca offerte all’utente non rappresentino un valore aggiunto dal punto di vista del consumatore. In altri termini, dette funzionalità devono essere offerte gratuitamente, a prescindere dalla sottoscrizione del contratto di abbonamento, tant’è che le stesse possono essere fruite anche tramite altri comuni motori di ricerca.

 

Rif. Agenzia delle entrate, Risoluzione del 28 settembre 2017, n. 120/E