Credito d’imposta R&S con esclusione dei beni immateriali: quali effetti per le imprese

 - 

Consulenza tributaria e tax compliance

Il decreto Dignità dispone che non rientrano nel credito d’imposta ricerca e sviluppo le spese sostenute per l’acquisizione di competenze tecniche e privative industriali derivanti da operazioni tra imprese appartenenti al medesimo gruppo. Si considerano appartenenti al medesimo gruppo le imprese controllate, controllanti o controllate da un unico soggetto. Per calcolare l’agevolazione occorre innanzitutto verificare che sia stato realizzato un volume minimo di investimenti ammissibili, pari almeno ad euro 30.000 e che la spesa complessiva sostenuta ecceda la media degli investimenti realizzati. Quali sono gli impatti per le imprese?

La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati del Quotidiano Ipsoa, per maggiori informazioni clicca qui.