Depositi di carburanti: assolvimento diretto dell’IVA all’atto dell’estrazione

 - 

Consulenza tributaria e tax compliance

La Legge di bilancio per il 2018 ha disposto che, a decorrere dal 1° febbraio 2018, l’immissione in consumo dal deposito fiscale o l’estrazione dal deposito di un destinatario registrato di benzina o gasolio destinati ad essere utilizzati come carburanti per motori per uso autotrazione è subordinata al versamento dell’IVA con Mod. F24, senza possibilità di effettuare alcuna compensazione. Tale previsione è soggetta a specifiche deroghe nel caso in cui l’immissione in consumo dal deposito fiscale dei prodotti in parola avvenga per conto di un soggetto che integra specifici criteri di affidabilità o presta idonea garanzia. Con Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 13 febbraio 2018 sono state identificate le modalità di attuazione delle disposizioni in commento.


La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati della rivista L'IVA.