Scaduto, con il 30 aprile 2018, scaduto il termine per la presentazione della dichiarazione annuale IVA, è già tempo di dichiarazione integrativa. Mai come quest’anno il ricorso all’istituto della dichiarazione integrativa permette di ovviare ad errori e/o omissioni che hanno interessato i nuovi adempimenti IVA. Infatti, presentando l’integrativa IVA è possibile non solo detrarre l’IVA relativa alle fatture emesse e ricevute nel 2017, ma non annotate entro il 30 aprile, ma anche sanare errori e/o omissioni commessi nella trasmissione delle comunicazioni delle liquidazioni periodiche IVA effettuate.

La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati del Quotidiano Ipsoa, per maggiori informazioni clicca qui.