Procedimento di ripartizione: l’interpretazione offerta dal Tribunale di Modena al comma 1 dell’art. 110 l.fall.

08/08/2019 -  Stefano Morri

Crisi d'impresa

Nel procedimento di ripartizione, ai sensi del novellato art. 110 l.fall., il creditore opponente deve avere la possibilità di ottenere anticipatamente l’assegnazione delle somme previo rilascio di idonea garanzia di restituzione. Nell’ipotesi in cui invece il creditore opponente non presti alcuna garanzia, il quarto periodo del comma 1 dell’art. 110 l.fall. prevede la facoltà di ottenere il pagamento in sede di riparto previa prestazione di fideiussione. Il creditore opponente non è più titolare di un'aspettativa di mero fatto, ma di un vero e proprio diritto all'accantonamento, seppure nelle forme attenuate della capienza dell'accantonamento me...

S.r.l.: l’azione di responsabilità da parte del curatore secondo il Tribunale di Roma

27/04/2017 -  Stefano Morri, Francesca Giovannardi

Crisi d'impresa

Il Tribunale di Roma, con sentenza n. 3398 del 21 febbraio 2017, si è recentemente espresso sul tema delle azioni di responsabilità esperibili dal curatore fallimentare di una S.r.l. ex art. 146 l.fall., analizzando limiti e caratteristiche della disposizione in esame. La pronuncia in analisi – dal tenore alquanto articolato – si sofferma sulla trattazione di diverse questioni, da sempre oggetto di acceso dibattito giurisprudenziale e dottrinale. In particolare: l’applicabilità alle S.r.l. dell’azione di responsabilità riservata ai creditori sociali di S.p.a. ex art. 2394 c.c.; la legittimazione del curatore di una S.r.l. fallita all&rsquo...

Il punto sull’azione revocatoria degli atti estintivi di debiti con assegni post-datati

04/08/2016 -  Cristina Cengia, Alberto Di Alberto

Corporate, Finance e Capital Market

Con riguardo all’assegno bancario il pagamento contemplato dall’art. 67, 2° comma, Legge Fallimentare deve essere riferito alla data dell’effettivo incasso, trattandosi del momento in cui si verifica l’estinzione dell’obbligazione, mentre la consegna del titolo rileva come mera promessa di pagamento. Il concetto di “termini d’uso” fa riferimento alle condizioni di tempo e di modo dei pagamenti, normalmente in uso tra i contraenti ed in concreto pattuiti tra le parti, sempre che siano mezzi fisiologici e usuali di pagamento, mentre non possono divenire “termini d’uso” prassi patologiche e forme anormali di pagamento, non co...

Il contribuente conserva la qualità di soggetto passivo anche dopo il fallimento

26/05/2016 -  Davide Vecchione

Consulenza tributaria e tax compliance

Si segnala la sentenza della Corte di Cassazione n.5932 del 18 marzo 2016, in  materia di fallimento ed accertamento tributario.L’agenzia ha notificato ad un curatore fallimentare due avvisi di accertamento per recuperare maggiori redditi d’impresa, determinati da ricavi non contabilizzati a carico di una società in seguito dichiarata fallita, relativi pertanto ad anni d’imposta precedenti alla dichiarazione di fallimento.Il curatore fallimentare ha impugnato i due atti, deducendo l’insufficiente motivazione e l’infondatezza nel merito degli atti impositivi, non essendo nelle condizioni di giustificare i prelevamenti e le movimentazioni bancarie che ...

Improponibile in sede ordinaria la riconvenzionale di accertamento credito verso il fallimento

13/01/2016 -  Alberto Di Alberto, Federica Longoni

Contenzioso

Qualora nel giudizio promosso dal curatore per il recupero di un credito del fallito, il convenuto proponga domanda riconvenzionale di accertamento di un proprio credito nei confronti del fallimento derivante dal medesimo rapporto, la suddetta domanda, per la quale opera il rito speciale ed esclusivo dell'accertamento del passivo ai sensi dell'art. 93 e ss. Legge fallimentare, deve essere dichiarata inammissibile nel giudizio di cognizione ordinaria e va eventualmente proposta con domanda di ammissione al passivo su iniziativa del presunto creditore, ferma restando la competenza del giudice ordinario per la decisione sulla domanda formulata dal fallito verso il suo debitore.Trib. di Savona, ...


Newsletter

 
Generale e alert

 
Newsletter

Note legali

Morri Rossetti e Associati – Studio Legale e Tributario

Sede legale in Piazza Duse n. 2, Milano, 20122.

C.F. e P. IVA n. 04110250968.

Copyright

Morri Rossetti e Associati – Studio Legale e Tributario opera come associazione professionale sottoposta alla legge italiana.

I contenuti e le informazioni del presente sito sono pubblicati a scopo esclusivamente informativo e divulgativo; si precisa inoltre che gli stessi:

  • non costituiscono un parere legale o altro tipo di consulenza professionale;
  • non sono volti a fini commerciali o all’instaurazione di relazioni con i clienti.

Si declina ogni responsabilità in merito ad azioni o omissioni derivanti dall’utilizzo improprio e all’abuso delle informazioni e degli articoli contenuti nel presente sito.

I contenuti pubblicati nel presente sito sono protetti da diritto di autore, in base alle disposizioni nazionali e delle convenzioni internazionali, e sono di titolarità esclusiva di Morri Rossetti e Associati.

Ogni comunicazione e diffusione al pubblico e ogni riproduzione parziale o integrale, se non effettuata a scopo meramente personale, dei contenuti presenti nel sito richiede la preventiva autorizzazione di Morri Rossetti e Associati.

Accetti termini e codizioni