Fringe benefit, spese di trasporto: si allargano le maglie del welfare aziendale

 - 

Consulenza tributaria e tax compliance

Continua la riforma del welfare aziendale: dal 1° gennaio 2018, anche le eventuali spese per il servizio di trasporto pubblico sostenute direttamente dal datore di lavoro o da questi rimborsate ai propri dipendenti non concorrono alla formazione del reddito di lavoro dipendente, in quanto fringe benefits. Inoltre, a completamento, viene riconosciuta una detrazione dal reddito complessivo IRPEF, pari al 19% dell’ammontare delle spese sostenute per l’acquisto di abbonamenti ai servizi di trasporto pubblico locale, regionale o interregionale, fino ad un importo annuale non superiore a 250 euro.

La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati del Quotidiano Ipsoa, per maggiori informazioni clicca qui.