I corrispettivi derivanti dalla costituzione di un diritto di superficie rilevano ai fini IRES come ricavi e non come plusvalenze

Consulenza tributaria e tax compliance

Il corrispettivo conseguito da una società per azioni per la costituzione del diritto di superficie a tempo determinato, contabilizzato secondo la maturazione contrattuale, concorre alla formazione del reddito d’impresa come ricavo e non come plusvalenza, così come imputato in bilancio, in coerenza con il principio di derivazione rafforzata di cui all’articolo 83 del DPR n. 917/1986. A seguito delle modifiche recate dall’articolo 13-bis del DL n. 244/2017 al DPR n. 917/1986, anche per i soggetti, diversi dalle micro-imprese, che redigono il bilancio in conformità alle disposizioni del codice civile, valgono, ai fini della determinazione del reddito complessivo rilevante ai fini IRES, i criteri di qualificazione, imputazione temporale e classificazione in bilancio previsti dai principi contabili.

Rif. Agenzia delle entrate, Risoluzione n. 37/E del 15 maggio 2018