Imponibilità all’esame dei giudici europei

 - 

Consulenza tributaria e tax compliance

Rush finale per la decisione della Corte di giustizia Ue sulla non imponibilità Iva. Sulle cessioni intra comunitarie l’avvocato generale della Corte del Lussemburgo è, infatti, tornato a ribadire il diritto alla non imponibilità Iva anche in assenza di alcuni requisiti formali (causa C-24/15). Ora la parola passa ai giudici e la sentenza sarà depositata il 20 ottobre. 

Su questo tema la Cassazione già dall’anno scorso si è allineata alla posizione dei giudici comunitari riconoscendo il diritto alla non imponibilità Iva anche se in fattura manca - o è scritto erroneamente - il numero di identificazione del cessionario - requisito formale - (sentenza 19368/2015; ordinanza 17254 del 2014; sentenza 20575/2011).

La Suprema corte ha superato così quanto concluso in precedenza (sentenze 3167 del 2012 e 20575 del 2011) e previsto dall’articolo 50 del Dl 331/93, nonché dalla risoluzione 25/E/97 e dalla circolare 23/E/99. 
Il principio di neutralità fiscale esige, infatti, che la non imponibilità Iva sia accordata se i requisiti sostanziali sono rispettati, anche se alcuni requisiti formali sono stati omessi dai soggetti passivi; a conclusioni diverse si potrebbe addivenire solo se la violazione dei requisiti formali avesse l’effetto di impedire la dimostrazione che i requisiti sostanziali sono stati soddisfatti e sempreché il fornitore dei beni non abbia partecipato intenzionalmente a una
frode (sentenza C-273/11 del 2012).

Benché, quindi, il numero di identificazione Iva fornisca la prova dello status fiscale del soggetto passivo ed agevoli il controllo da parte delle amministrazioni fiscali delle operazioni intra-Ue, si tratta pur sempre di un requisito formale che non può rimettere in discussione il diritto alla non imponibilità Iva qualora si dimostri che i beni oggetto della cessione sono stati spediti o trasportati in un altro Stato membro a destinazione di un soggetto passivo d’imposta che può disporre degli stessi come proprietario.

La versione integrale dell’articolo è disponibile su www.quotidianofisco.ilsole24ore.com.