Imposta di registro: rileva solo l’atto presentato alla registrazione

 - 

Consulenza tributaria e tax compliance

L’imposta di registro è applicata secondo l’intrinseca natura e gli effetti giuridici dell’atto presentato alla registrazione, sulla base degli elementi desumibili dall’atto stesso, prescindendo da quelli extratestuali e dagli atti ad esso collegati. La legge di Bilancio 2018 dovrebbe dirimere il contrasto fisco-contribuente sulla corretta tassazione degli atti presentati alla registrazione e sull’individuazione della misura dell’imposta da applicare alla registrazione di atti che possono sottendere alla realizzazione di un’operazione complessa. Ad esempio, l’Erario riqualifica in cessione d’azienda il conferimento d’azienda seguito da cessione di quote sulla base dell’art. 20 TUR, cui dapprima è stata riconosciuta natura di norma antiabuso, poi di norma che permette la riqualificazione dell’operato del contribuente sulla base degli effetti non giuridici, bensì economici.

La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati del Quotidiano Ipsoa, per maggiori informazioni clicca qui.