La fatturazione elettronica porta la precompilata IVA

 - 

Consulenza tributaria e tax compliance

Dichiarazione IVA precompilata per gli esercenti arti e professioni a seguito dell’introduzione dell’obbligo della fattura elettronica tra privati dal 1° gennaio 2019. È una delle misure di contrasto al fenomeno dell’evasione fiscale previste dal disegno di legge di Bilancio 2018, volta ad incentivare il ricorso alla fatturazione elettronica nei rapporti B2B. Non solo: l’Agenzia delle Entrate metterà a disposizione anche le bozze dei modelli F24 per il pagamento delle imposte e gli elementi necessari per effettuare le eventuali liquidazioni periodiche IVA; verrà meno, infine, l’obbligo di tenuta dei registri IVA vendite ed IVA acquisti e l’invio dello spesometro. Si procede finalmente sulla strada per la semplificazione?

La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati del Quotidiano Ipsoa, per maggiori informazioni clicca qui.