La responsabilità del prestanome per le violazioni tributarie commesse dall'amministratore di fatto

 - 

Diritto penale dell’economia e dell’impresa

In tema di omessa presentazione della dichiarazione, l'amministratore di diritto della società, che svolga, in

presenza di un amministratore di fatto, il ruolo di mero prestanome, è da ritenersi responsabile del reato di

cui all'art. 5 d.lgs. 74/2000 solo qualora sussista la prova dell'intento di evadere le imposte attraverso

l'inadempimento dichiarativo, non essendo invero sufficiente ai fini di una pronuncia condannatoria la mera

assunzione dell'incarico di amministratore di diritto.


La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati de Il Penalista - Giuffrè, per maggiori informazioni clicca qui.