Legge di Bilancio 2017, note di credito IVA: cosa cambia

 - 

Consulenza tributaria e tax compliance

Con riferimento alla disciplina relativa all’emissione delle note di credito in caso di procedure concorsuali, il disegno di legge di Bilancio 2017 riporta la situazione a prima del 2016. Con un (sorprendente) colpo di spugna, il legislatore ridefinisce i contorni della disciplina dettata dall’art. 26 del decreto IVA, annullando le modiche introdotte dalla legge di Stabilità per il 2016: per emettere le note di credito si dovrà attendere, in caso di fallimento, l’esito del piano di ripartizione finale del fallimento, laddove sussistente; nell’ipotesi di concordato preventivo, si dovrà attendere invece il decreto di omologazione e il rispetto a cura del debitore degli obblighi ivi assunti.

La lettura dell'intero articolo è riservata agli Abbonati del Quotidiano Ipsoa.