Manovra correttiva: split payment anche per i professionisti

 - 

Consulenza tributaria e tax compliance

Dal 1° luglio 2017 lo split payment trova applicazione anche per le fatture emesse nei confronti della Pubblica Amministrazione da parte dei professionisti. È questa una delle novità di maggiore impatto contenute nella Manovra correttiva. Viene inoltre ampliato il novero dei soggetti nei cui confronti occorre applicare lo split payment, ricomprendendovi le società quotate e quelle controllate dagli enti pubblici. Tali modifiche determinano sicuramente un impatto positivo in termini di gettito; tuttavia, i professionisti che operano in maniera prevalente con la PA, potrebbero trovarsi a fare i conti con problemi di esposizione finanziaria.

Estensione doppia dell’ambito di applicazione del meccanismo dello split payment: non solo viene previsto che lo stesso debba essere applicato dai professionisti che rendono i loro servizi nei confronti della Pubblica Amministrazione, ma viene esteso anche il novero dei soggetti nei cui confronti occorre applicare la scissione dei pagamenti, quali le società quotate e quelle controllate dagli enti pubblici.

La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati del Quotidiano Ipsoa, per maggiori informazioni clicca qui.