Nuove massime notarili del triveneto: limiti alle operazioni sulle proprie partecipazioni

 - 

Corporate, Finance e Capital Market

Secondo l’orientamento I.N.13 del Comitato Interregionale Dei Consigli Notarili Delle Tre Venezie sulla riforma delle S.r.l.-PMI, è consentito S.r.l.-PMI compiere operazioni sulle proprie quote (operazioni consistenti, sostanzialmente, nell’acquisto di proprie quote o nella prestazione di assistenza finanziaria per il loro acquisto), qualora tali operazioni vengano poste in essere in attuazione di piani di incentivazione a favore di dipendenti, collaboratori e amministratori, fatti salvi i limiti previsti dagli articoli da 2357 a 2358 c.c. dettati in tema di S.p.A.. Si tratta dell’estensione del work for equity alle S.r.l., al fine di fidelizzare e vincolare all’andamento economico della società figure-chiave dell’impresa, al pari di quanto previsto in tema di S.p.A. relativamente ai piani di stock option. Con l’orientamento in commento, il Comitato del Triveneto ha quindi esteso analogicamente alle S.r.l.-PMI la disciplina delle operazioni sulle proprie partecipazioni dettata in tema di società per azioni, superando gli orientamenti dottrinali precedenti.

La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati de Il Quotidiano Giuridico, per maggiori informazioni clicca qui.