Operazioni transfrontaliere senza fatturazione elettronica

 - 

Consulenza tributaria e tax compliance

L’obbligo della fatturazione elettronica - in vigore nei rapporti tra i privati dal 1° gennaio 2019 - si applica alle sole operazioni domestiche, non estendendosi anche alle operazioni transfrontaliere. Con riferimento a tali operazioni trova applicazione la comunicazione dei dati indicati nelle fatture emesse e ricevute, da inviare all’Agenzia delle Entrate entro la fine del mese successivo a quello di emissione e/o ricezione delle fatture. Le imprese si trovano, così, a fare i conti con un doppio binario di gestione delle operazioni poste in essere.

La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati del Quotidiano Ipsoa, per maggiori informazioni clicca qui.