Poteri speciali del Governo italiano inerenti le reti con tecnologia 5G

 - 

TMT e Data Protection

Il Decreto Legge 25 marzo 2019, n. 22 - in vigore a partire dal 26 marzo 2019 - ha introdotto alcune modifiche alla disciplina relativa ai poteri speciali del Governo italiano (c.d. golden power) sugli assetti societari nei settori della difesa e della sicurezza nazionale, nonché per le attività di rilevanza strategica nei settori dell’energia, dei trasporti e delle comunicazioni, al fine di aggiornare la normativa in conseguenza dell’evoluzione tecnologica, con particolare riferimento alla tecnologia 5G e ai connessi rischi di uso improprio dei dati con implicazioni sulla sicurezza nazionale.

In particolare, la novella prevede che i servizi di comunicazione basati sulla tecnologia 5G costituiscano attività di rilevanza strategica per il sistema di difesa e sicurezza nazionale.

Pertanto, la stipula di contratti o accordi aventi ad oggetto l’acquisto di beni e servizi relativi alla progettazione, alla realizzazione, alla manutenzione e alla gestione delle reti inerenti i servizi basati sulla tecnologia 5G, nonché l’acquisizione di componenti ad alta intensità tecnologica funzionali alla realizzazione o gestione dei predetti servizi – se posti in essere con soggetti esterni all’UE – dovranno essere notificate alla Presidenza del Consiglio dei Ministri italiana, al fine dell’eventuale esercizio del potere di veto o dell’imposizione di specifiche prescrizioni o condizioni da parte del Governo italiano.


Articolo disponibile sulla Newsletter "Norme e Tributi" n. 133 della Camera di Commercio Italo-Germanica.