Sospensione dei versamenti di aprile e maggio: conta il fatturato. Con quali problemi?

 - 

Consulenza tributaria e tax compliance

Sospensione dei versamenti di aprile e maggio 2020 solo a condizione che ci sia stato un calo del fatturato o dei corrispettivi. Lo prevede il decreto Liquidità, con una formulazione diversa rispetto alle bozze circolate prima della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Infatti, se - nella versione precedente - per poter accedere alla sospensione imprenditori e partite IVA dovevano aver registrato una riduzione di ricavi o compensi nei mesi di marzo e/o aprile 2020 rispetto a quelli registrati nei corrispondenti mesi del 2019, il testo definitivo del D.L. n. 23/2020 dispone diversamente. In base all’art. 18, la verifica della riduzione deve essere effettuata confrontando il fatturato o i corrispettivi. Con quali criticità?

La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati del Quotidiano Ipsoa, per maggiori informazioni clicca qui.