Voluntary bis e autoliquidazione: attenzione alle sanzioni

 - 

Consulenza tributaria e tax compliance

Sarà a breve formalizzato un provvedimento che stabilirà il rinvio della voluntary disclosure bis al 30 settembre 2017: lo ha comunicato il Viceministro Casero nel corso di un incontro con le Associazioni nazionali dei commercialisti. Entro tale scadenza il contribuente può decidere di aderire alla procedura di voluntary disclosure sanando le violazioni commesse. Rispetto alla prima edizione della procedura, nella quale la quantificazione di imposte, sanzioni e interessi dovuti era rimessa unicamente ai competenti Uffici dell’Amministrazione finanziaria, il decreto fiscale collegato alla legge di Bilancio 2017 ha introdotto per la voluntary disclosure bis il meccanismo dell’autoliquidazione, al quale è collegato uno specifico regime sanzionatorio.

La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati del Quotidiano Ipsoa, per maggiori informazioni clicca qui.