Voluntary bis, pagamento spontaneo del dovuto: attenzione a quanto si versa

 - 

Consulenza tributaria e tax compliance

Diversamente da quanto previsto nella prima edizione della procedura di collaborazione volontaria, nella voluntary disclosure bis il contribuente può autoliquidare l’importo dovuto, senza necessità di dover attendere i conteggi dell’Ufficio. In tale ipotesi, occorre però prestare particolare attenzione ai calcoli, dato che il regime sanzionatorio, laddove gli stessi non fossero corretti, risulta essere gravoso. Del regime sanzionatorio si è occupata l’Agenzia delle Entrate che, nella circolare n. 19/E del 2017, precisa che l’eventuale eccedenza versata dal contribuente rispetto alle somme effettivamente dovute, può essere da questi richiesta a rimborso o utilizzata in compensazione.

La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati del Quotidiano Ipsoa, per maggiori informazioni clicca qui.