Legge di Bilancio 2019 e digitale: fondi per ai, blockchain, iot, cyber security e web tax

31/01/2019 -  Carlo Impalà

TMT e Data Protection

La Legge di bilancio 2019 (l. 30.12.18, n. 145) intende accrescere la competitività e la produttività del sistema economico, favorendo processi di trasformazione tecnologica e digitale connessi anche al programma Industria 4.0. È prevista l’istituzione di un fondo per interventi volti a favorire lo sviluppo delle tecnologie e delle applicazioni di intelligenza artificiale, blockchain e internet of things. La dotazione prevista è di 15 milioni di Euro per ogni anno dal 2019 al 2021. Sono previsti stanziamenti anche per la cyber security. Per potenziare gli interventi e gli strumenti per la difesa cyber, oltre che per rafforzare la capacità di resilienz...

e-fattura, quale data va indicata nel file XML?

26/01/2019 -  Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

Quale data deve essere indicata nel relativo campo del file XML della fattura elettronica? È questo uno degli interrogativi, che riguardano l’emissione in concreto della e-fattura, al quale ha dato risposta l’Agenzia delle Entrate in occasione del forum organizzato dal CNDCEC. L’Agenzia ha chiarito quale comportamento deve tenere il contribuente con riferimento all’emissione sia della fattura immediata, sia della fattura differita, durante il periodo di moratoria, ma anche a regime, dal 1° luglio 2019, data a decorrere dalla quale per l’emissione della fattura immediata viene concesso più tempo: 10 giorni dalla data di effettuazione dell’...

Autofattura spia con possibili ricadute sulla detrazione IVA dei trimestrali

24/01/2019 -  Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

I contribuenti che liquidano l’IVA con cadenza trimestrale possono esercitare il diritto alla detrazione anche relativamente ai documenti di acquisto ricevuti e annotati entro il 15 del secondo mese successivo al trimestre di riferimento, fatta eccezione per i documenti di acquisto relativi ad operazioni effettuate nell’anno precedente. Lo ha chiarito l’Agenzia delle Entrate rispondendo ad una serie di quesiti sulle novità fiscali relative alla fattura elettronica. La dilazione dei termini di ricezione delle fatture per l’esercizio del diritto alla detrazione potrebbe però, soprattutto nel periodo di moratoria, produrre degli effetti “distorsivi&rd...

Fatture 2018 ricevute nel 2019: quali riflessi sulla detrazione IVA?

23/01/2019 -  Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

L’Agenzia delle Entrate ha riconosciuto la validità fiscale delle fatture cartacee datate dicembre 2018, ma trasmesse al cliente nei primi giorni del mese di gennaio 2019. Richiamando i chiarimenti resi nella circolare n. 13/E/2018, infatti, l’Agenzia ha ritenuto che il file fattura, predisposto in conformità alle regole tecniche dettate dal provvedimento del 30 aprile 2018 ed inviato con un minimo ritardo, comunque tale da non pregiudicare la corretta liquidazione dell’IVA, costituisce violazione non punibile. L’IVA relativa a queste fatture, ha ulteriormente precisato l’Agenzia, può essere detratta a decorrere dalla liquidazione IVA relati...

Fattura elettronica: quando emettere autofattura

22/01/2019 -  Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

Quando e come va emessa l’autofattura? In occasione del forum sulla fattura elettronica organizzato dal CNDCEC, l’Agenzia delle Entrate ha fatto il punto sulle casistiche di emissione dell’autofattura, distinguendo l’ipotesi delle autofatture spia, ossia quelle emesse dal cessionario/committente a denuncia della mancata emissione della fattura da parte del cedente/prestatore, decorsi 4 mesi dalla data di effettuazione dell’operazione, dagli altri casi di autofattura, quali, ad esempio, l’autoconsumo, gli omaggi, il reverse charge interno. Al ricorrere di queste diverse ipotesi, in che modo deve essere compilato il campo “Tipo Documento” del fil...

Fatture datate 2018 ed inviate nel 2019: valido il formato analogico

16/01/2019 -  Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

Sono valide le fatture in formato analogico emesse nel mese di dicembre 2018, ma inviate al cliente tramite posta ordinaria o PEC nei primi giorni del 2019. L’IVA relativa alle stesse fatture concorre alla liquidazione IVA del mese di gennaio. In occasione del forum organizzato dal CNDCEC l’Agenzia delle Entrate scioglie uno dei principali dubbi con cui si sono dovuti confrontare gli operatori nei primi giorni di gennaio, a seguito dell’entrata in vigore dell’obbligo generalizzato della fattura elettronica. Sempre in merito alla tempistica di emissione/trasmissione delle fatture elettroniche, l’Agenzia ha chiarito che il file fattura, predisposto nel rispetto de...

Vaccinazioni, i problemi applicativi per le scuole

14/01/2019 -  Francesco Rubino, Chiara Langè

Diritto penale dell’economia e dell’impresa

Oggi il tema delle vaccinazioni è estremamente complesso e controverso. La causa di tale confusione è innanzitutto la normativa di settore vigente: la legge 119/2017, infatti, impone una serie di adempimenti formali in capo ai dirigenti scolastici senza disciplinare in alcun modo i profili sostanziali relativi alla tutela della salute degli iscritti, che risultano inscindibilmente connessi a tali adempimenti. A ciò si aggiunga il fatto che le successive circolari ministeriali in materia di adempimenti vaccinali non hanno contribuito in maniera efficace a colmare tali lacune essendo le stesse spesso di difficile comprensione ed applicazione. L'eccesso di adempimenti forma...

Fatturazione elettronica e fatture di fine anno: gli effetti sulla detrazione IVA

09/01/2019 -  Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

Quali sono gli impatti della fatturazione elettronica obbligatoria sulla detrazione IVA? Ci si riferisce, in particolare, alle fatture emesse a fine 2018, ma trasmesse e ricevute nei primi giorni del 2019. Sulla validità del formato cartaceo di tali fatture, l’Agenzia delle Entrate sembra essersi pronunciata in senso positivo. Tuttavia, non è chiaro cosa accade per la detrazione. In base ad un’interpretazione letterale degli artt. 19 e 25 del decreto IVA, l’imposta relativa a queste fatture dovrebbe concorrere alla liquidazione IVA di gennaio 2019 (da effettuarsi entro il 16 febbraio), oppure si potrebbe sostenere che l’IVA sia detraibile al massimo entr...

L’affidabilità fiscale dei contribuenti si misura con gli ISA

07/01/2019 -  Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

Con il D.M. 28 dicembre 2018, il Ministero dell’Economia e delle finanze ha approvato gli ultimi indici di affidabilità fiscale per il periodo d’imposta 2018. Un apposito programma informatico realizzato dall’Agenzia delle Entrate esprimerà il livello di affidabilità del contribuente, con un punteggio compreso tra 0 e 10. Lo stesso programma informatico consentirà inoltre al contribuente di indicare l’inattendibilità delle informazioni desunte dalle banche dati rese disponibili dall'Agenzia delle Entrate, attraverso l'inserimento dei dati ritenuti corretti dal contribuente stesso. La lettura integrale dell'articolo è riservata...

Atti soggetti ad imposta di registro: l’art. 20 TUR ha valore retroattivo

03/01/2019 -  Alberto Gatto

Contenzioso tributario

La legge di Bilancio 2019 qualifica espressamente come interpretazione autentica, conferendogli efficacia retroattiva, la norma della legge di Bilancio 2018 che ha modificato l’art. 20 del D.P.R. n. 131/1986 limitando l’attività riqualificatoria dell’Amministrazione finanziaria in materia di atti sottoposti a registrazione: tale attività può essere svolta unicamente sulla base degli elementi desumibili dall'atto sottoposto a registrazione, prescindendo da quelli extratestuali e dagli atti ad esso collegati. Sarà sufficiente questa precisazione per porre fine alle contestazioni dell’Agenzia delle Entrate ai fini dell’imposta di registr...


Newsletter

 
Generale e alert

 
Newsletter

Note legali

Morri Rossetti e Associati – Studio Legale e Tributario

Sede legale in Piazza Duse n. 2, Milano, 20122.

C.F. e P. IVA n. 04110250968.

Copyright

Morri Rossetti e Associati – Studio Legale e Tributario opera come associazione professionale sottoposta alla legge italiana.

I contenuti e le informazioni del presente sito sono pubblicati a scopo esclusivamente informativo e divulgativo; si precisa inoltre che gli stessi:

  • non costituiscono un parere legale o altro tipo di consulenza professionale;
  • non sono volti a fini commerciali o all’instaurazione di relazioni con i clienti.

Si declina ogni responsabilità in merito ad azioni o omissioni derivanti dall’utilizzo improprio e all’abuso delle informazioni e degli articoli contenuti nel presente sito.

I contenuti pubblicati nel presente sito sono protetti da diritto di autore, in base alle disposizioni nazionali e delle convenzioni internazionali, e sono di titolarità esclusiva di Morri Rossetti e Associati.

Ogni comunicazione e diffusione al pubblico e ogni riproduzione parziale o integrale, se non effettuata a scopo meramente personale, dei contenuti presenti nel sito richiede la preventiva autorizzazione di Morri Rossetti e Associati.

Accetti termini e codizioni