Il trattamento dei creditori postergati nel concordato preventivo

12/03/2019 -  Stefano Morri

La sentenza n. 16348 del 21 giugno 2018 della Corte di Cassazione affronta la tematica relativa al trattamento riservato al socio finanziatore nell’ambito del concordato preventivo e afferma che...

Leggi di più

Ammissibilità della domanda di accertamento della legittimità del licenziamento da parte del datore di lavoro

05/03/2019 -  Alessandra Boati

Anche le controversie introdotte dal datore di lavoro per l'accertamento della legittimità del licenziamento comminato al dipendente ricadono nell'ambito di tutela dell'art. 18 della L. 300/197...

Leggi di più

Sequestro: la deroga alla sospensione feriale dei termini si estende ai reati tributari

01/03/2019 -  Francesco Rubino, Chiara Langè

Con ordinanza del 6 settembre 2018 il tribunale di Pavia ha rigettato la richiesta di riesame reale avverso il decreto di sequestro preventivo emesso in data 20 luglio 2018 nei confronti di B.G., in r...

Leggi di più

Iscrizione VIES: da requisito sostanziale a “temporanea” violazione formale

11/03/2019 -  Davide Rossetti, Roberta De Pirro

La mancata iscrizione al VIES non preclude la possibilità di beneficiare del regime di non imponibilità IVA nell’ambito delle operazioni intracomunitarie. La stessa infatti non con...

Leggi di più

Pace fiscale: tutte le strade per chiudere i conti con il Fisco. Con lo sconto

08/03/2019 -  Roberta De Pirro

Dal decreto fiscale alla legge di Bilancio 2019: sono tanti gli strumenti a disposizione dei contribuenti per fare pace con il Fisco usufruendo di qualche sconto. Il legislatore ha tracciato una mappa...

Leggi di più

Iscrizione VIES: da requisito sostanziale a “temporanea” violazione formale

11/03/2019 -  Davide Rossetti, Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

La mancata iscrizione al VIES non preclude la possibilità di beneficiare del regime di non imponibilità IVA nell’ambito delle operazioni intracomunitarie. La stessa infatti non configura un requisito sostanziale, ma una mera violazione formale. È questo il recente chiarimento fornito dall’Agenzia delle entrate, che supera le precedenti indicazioni rese con la Circolare n. 39/E/2011 e la Risoluzione n. 42/E/2012. Allineandosi all’orientamento della Corte di Giustizia UE (Causa C-21/16 del 9 febbraio 2017) l’Agenzia precisa che la mancata iscrizione al VIES, in assenza di comportamenti fraudolenti, pur integrando una violazione formale, non costitui...

Pace fiscale: tutte le strade per chiudere i conti con il Fisco. Con lo sconto

08/03/2019 -  Roberta De Pirro

Contenzioso tributario

Dal decreto fiscale alla legge di Bilancio 2019: sono tanti gli strumenti a disposizione dei contribuenti per fare pace con il Fisco usufruendo di qualche sconto. Il legislatore ha tracciato una mappa di misure che permettono di sanare le pendenze con l’Erario a seconda delle circostanze nelle quali si versa: dalla definizione del processo verbale di constatazione alla definizione degli atti del procedimento di accertamento fino alla chiusura agevolata delle liti pendenti. Senza dimenticare la sanatoria delle irregolarità formali e il saldo e stralcio dei ruoli da omesso versamento per quanti sono in difficoltà economiche. La lettura integrale dell'articolo è riser...

Ammissibilità della domanda di accertamento della legittimità del licenziamento da parte del datore di lavoro

05/03/2019 -  Alessandra Boati

Diritto del lavoro

Anche le controversie introdotte dal datore di lavoro per l'accertamento della legittimità del licenziamento comminato al dipendente ricadono nell'ambito di tutela dell'art. 18 della L. 300/1970 in quanto, essendo tale rito funzionale alla certezza - in tempi ragionevolmente brevi - dei rapporti giuridici di lavoro, va riconosciuta la medesima tutela giurisdizionale ad entrambe le parti del rapporto sostanziale, in base al principio costituzionale di equivalenza nell'attribuzione dei mezzi processuali esperibili. In relazione al medesimo licenziamento, infatti, non potrebbe essere ammessa la possibilità di due giudizi, l'uno, intrapreso dalla parte datoriale, con rito ordinario...

Sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte art. 11 Dlgs 74/2000

05/03/2019 -  Francesco Rubino, Elisa Mazzucchelli

Corporate Criminal Liability

Risponde del delitto di sottrazione fraudolenta al pagamento delle imposte, previsto dall'art. 11 d.lgs. 74/2000, il soggetto che, dopo aver ricevuto la notifica di cartelle di pagamento, istituisca un trust familiare, conservando il potere di disporre di tali beni senza limitazioni, potendo desumersi lo scopo di frodare il fisco dal fatto che il trust è stato istituito in epoca successiva alla notificazione delle predette cartelle.La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati de Il Penalista - Giuffrè, per maggiori informazioni clicca qui.

e-fattura: termini più ampi per l’emissione, ma con limiti al diritto alla detrazione

04/03/2019 -  Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

Termini ampi per l’emissione della fattura elettronica nel primo semestre 2019: è quanto previsto dal decreto fiscale 2019 che, in sede di conversione in legge, ha esteso tale possibilità fino al 30 settembre per i contribuenti che liquidano l’IVA con cadenza mensile. Questa novità, tuttavia, potrebbe avere ricadute negative in capo ai cessionari/committenti. Infatti, per poter esercitare il diritto alla detrazione IVA, questi soggetti sono tenuti ad attendere l’emissione della fattura. Pertanto, potrebbero anche dover attendere mesi prima di poter portare in detrazione dell’IVA già pagata al fornitore. La lettura integrale dell'articolo &e...

Sequestro: la deroga alla sospensione feriale dei termini si estende ai reati tributari

01/03/2019 -  Francesco Rubino, Chiara Langè

Diritto penale dell’economia e dell’impresa

Con ordinanza del 6 settembre 2018 il tribunale di Pavia ha rigettato la richiesta di riesame reale avverso il decreto di sequestro preventivo emesso in data 20 luglio 2018 nei confronti di B.G., in relazione ai reati di cui agli artt. 416, commi 1 e 2, 81 cpv., 603-bis, comma 1, n. 1, comma 2, comma 3 nn. 1, 2, 3, comma 4, n. 1 e 110 c.p.; 10-quater nn. 2, 4, 5 e 10-ter d.lgs. 74/2000, in uno con l'applicazione della misura della custodia cautelare in carcere. Il sequestro preventivo era finalizzato alla confisca diretta dei beni delle società coinvolte, costituenti profitto di reato, fino alla concorrenza di euro 14.803.842, corrispondente all'imposta evasa e, in caso di mancato rep...

Banksy esce allo scoperto. In parte!

01/03/2019

Diritto della proprietà intellettuale

Qualche mese fa, terminata la visita della mostra A visual protest. The art of Banksy al MUDEC di Milano (che chiuderà a metà aprile), esposizione iper pubblicizzata da mesi e fortemente attesa dal pubblico più vasto (Banksy è certamente uno degli autori contemporanei più famosi, di sicuro il più celebre nell’ambito della street art), chi scrive, pasciuta l’anima dalla vista di opere di indubbio (quanto meno personale) interesse, per deformazione professionale iniziò però a porsi una serie di domande, alle quali non seppe dare una risposta risolutiva. Le domande riguardavano, in particolare ma n...

Nuove massime notarili del triveneto: limiti alle operazioni sulle proprie partecipazioni

01/03/2019 -  Cristina Cengia, Orsolina Fortini

Corporate, Finance e Capital Market

Secondo l’orientamento I.N.13 del Comitato Interregionale Dei Consigli Notarili Delle Tre Venezie sulla riforma delle S.r.l.-PMI, è consentito S.r.l.-PMI compiere operazioni sulle proprie quote (operazioni consistenti, sostanzialmente, nell’acquisto di proprie quote o nella prestazione di assistenza finanziaria per il loro acquisto), qualora tali operazioni vengano poste in essere in attuazione di piani di incentivazione a favore di dipendenti, collaboratori e amministratori, fatti salvi i limiti previsti dagli articoli da 2357 a 2358 c.c. dettati in tema di S.p.A.. Si tratta dell’estensione del work for equity alle S.r.l., al fine di fidelizzare e vincolare all&rsqu...


Newsletter

 
Generale e alert

 
Newsletter

Note legali

Il sottoscritto, preso atto dell’informativa qui riportata che dichiara di aver letto in ogni sua parte, inviando la richiesta di sottoscrizione acconsente al trattamento dei propri dati personali, per la finalità di cui al § 4 sezione C per l’iscrizione alla mailing list di Morri Rossetti al fine di ricevere comunicazioni informative e/o pubblicitarie.

Accetti termini e codizioni