IVA: aumenteranno adempimenti e controlli?

20/09/2017 -  Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

Le novità in materia di IVA in arrivo con la legge di Bilancio 2018 vanno in una direzione che non è certo quella della semplificazione fiscale: dall’ulteriore abbassamento, da 5.000 a 2.500 euro, della soglia del credito IVA in presenza del quale occorre apporre in dichiarazione il visto di conformità, all’estensione dello split payment a nuovi settori, fino all’introduzione dell’obbligo della fatturazione elettronica tra privati B2B. Se la finalità è quella di ridurre il gap IVA che l’Italia presenta rispetto agli altri Paesi UE, non si può non rilevare che a fare le spese di queste ulteriori restrizioni saranno i cont...

Compensazioni crediti IVA e visto di conformità: arriva la stretta

07/06/2017 -  Davide Rossetti, Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

Al ribasso da Euro 15 mila a 5 mila la soglia del credito IVA liberamente utilizzabile in compensazione. Intervenendo sull’articolo 10 del Decreto Legge n. 78/2009, il legislatore con la “Manovrina fiscale” inasprisce con decorrenza immediata le misure per l’utilizzo in compensazione “orizzontale” dei crediti IVA.La misura restrittiva, prevista dall’articolo 3 del Decreto Legge 24 aprile 2017, n. 50, è finalizzata al contrasto di fenomeni di evasione fiscale, ma allo stesso tempo introduce ostacoli alla compensazione dei crediti IVA, strumento divenuto nel corso degli anni una soluzione concreta e conveniente per il recupero rapido di liquidit...

Nuove regole sul visto di conformità dal 24 aprile 2017

10/05/2017 -  Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

La riduzione della soglia da euro 15.000 ad euro 5.000 del credito IVA, IRPEF, IRES ed IRAP da certificare per poterlo utilizzare in compensazione in F24 trova applicazione per le dichiarazioni presentate dal 24 aprile 2017. È questo l’importante chiarimento reso dall’Agenzia delle Entrate, con la risoluzione 4 maggio 2017, n. 57/E, nella quale viene inoltre precisato che, in considerazione dei tempi tecnici necessari per l’adeguamento delle procedure informatiche, il controllo in merito all’utilizzo obbligatorio dei servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate in presenza di modelli F24 presentati dai titolari di partita IVA che intendono effettuare la ...

Compatibile con il diritto UE il limite quantitativo alla compensazione dei crediti IVA

19/04/2017 -  Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

Non è contraria alle disposizioni comunitarie la previsione di un limite quantitativo entro il quale poter annualmente compensare l’eventuale credito IVA, ma solo a condizione che l’ordinamento giuridico nazionale conceda al soggetto passivo la possibilita` di recuperare l’eccedenza di credito non compensata entro un termine ragionevole. E' questa la conclusione alla quale e` giunta la Corte di Giustizia UE, nella sentenza relativa alla causa C-211/16, depositata il 16 marzo 2017.La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati della rivista Il Fisco, per maggiori informazioni clicca qui.


Newsletter

 
Generale e alert

 
Newsletter

Note legali

Morri Rossetti e Associati – Studio Legale e Tributario

Sede legale in Piazza Duse n. 2, Milano, 20122.

C.F. e P. IVA n. 04110250968.

Copyright

Morri Rossetti e Associati – Studio Legale e Tributario opera come associazione professionale sottoposta alla legge italiana.

I contenuti e le informazioni del presente sito sono pubblicati a scopo esclusivamente informativo e divulgativo; si precisa inoltre che gli stessi:

  • non costituiscono un parere legale o altro tipo di consulenza professionale;
  • non sono volti a fini commerciali o all’instaurazione di relazioni con i clienti.

Si declina ogni responsabilità in merito ad azioni o omissioni derivanti dall’utilizzo improprio e all’abuso delle informazioni e degli articoli contenuti nel presente sito.

I contenuti pubblicati nel presente sito sono protetti da diritto di autore, in base alle disposizioni nazionali e delle convenzioni internazionali, e sono di titolarità esclusiva di Morri Rossetti e Associati.

Ogni comunicazione e diffusione al pubblico e ogni riproduzione parziale o integrale, se non effettuata a scopo meramente personale, dei contenuti presenti nel sito richiede la preventiva autorizzazione di Morri Rossetti e Associati.

Accetti termini e codizioni