Dichiarazioni fiscali 2017: come ravvedersi e quando conviene

 - 

Consulenza tributaria e tax compliance

I contribuenti che non hanno provveduto alla presentazione della dichiarazione dei redditi entro il termine del 31 ottobre 2017 possono anticipare l’azione accertativa dell’Amministrazione finanziaria ricorrendo all’istituto del ravvedimento operoso. Il ravvedimento garantisce una soluzione economicamente vantaggiosa sia per il fisco, sia per il contribuente. Peraltro, in considerazione della novità - decorrente dal periodo d’imposta 2016 - per cui le dichiarazioni potranno essere oggetto di accertamento da parte dell’Agenzia delle Entrate nei più lunghi termini di 5 e 7 anni successivi a quello di presentazione della dichiarazione, è necessario fare chiarezza sulle modalità per accedere al ravvedimento.

La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati del Quotidiano Ipsoa, per maggiori informazioni clicca qui.