Direttiva DAC 7: i gestori delle piattaforme online diventeranno collaboratori del Fisco

 - 

TMT e Data Protection

Il 25 marzo 2021 è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale dell’Unione europea la c.d. “DAC 7” – Direttiva (UE) 2021/514 – che modifica le regole in materia di scambio di informazioni e di cooperazione amministrativa tra gli Stati membri della UE.

A decorrere dal 1° gennaio 2023 i gestori delle piattaforme digitali saranno obbligati a comunicare alle Amministrazioni finanziarie  competenti dei vari Paesi dell’UE una serie di dati reddituali relativi ai venditori e alle operazioni di locazione di beni immobili, erogazione di servizi personali, vendita di beni e locazione di mezzi di trasporto da questi effettuate per il tramite dei loro portali.

Le singole Autorità fiscali  autorità competenti di uno o più Paesi UE coinvolti nella realizzazione delle predette operazioni potranno possano partecipare alle attività di verifica, sia intervistando i soggetti coinvolti nelle operazioni che esaminando i documenti insieme ai funzionari dello Stato nei quale vengo svolti le suddette verifiche. (c.d. “verifiche congiunte”)

L’obiettivo perseguito dalla UE è quello di rafforzare la trasparenza dei flussi informativi tra i Paesi e rendere più efficace la collaborazione tra i big tech del web e le autorità fiscali.