Fattura elettronica: l’invio degli INTRASTAT è ancora obbligatorio

20/02/2019 -  Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

L’emissione della fattura in formato elettronico per le transazioni intercorse con soggetti UE non fa venir meno l’obbligo di inviare i modelli INTRASTAT. L’e-fattura obbligatoria non ha cambiato le regole per l’invio dei modelli INTRA: a decorrere dal 1° gennaio 2019, l’obbligo di comunicazione mensile dei modelli INTRA 2bis e INTRA 2quater resta in capo rispettivamente, ai soli fini statistici, ai soggetti passivi che hanno effettuato acquisti di beni intracomunitari per importi trimestrali pari o superiori a 200.000 euro e ai soggetti passivi che hanno effettuato acquisti di servizi intracomunitari per importi trimestrali pari o superiori a 100.000 euro. ...

Fatture 2018 ricevute nel 2019: quali riflessi sulla detrazione IVA?

23/01/2019 -  Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

L’Agenzia delle Entrate ha riconosciuto la validità fiscale delle fatture cartacee datate dicembre 2018, ma trasmesse al cliente nei primi giorni del mese di gennaio 2019. Richiamando i chiarimenti resi nella circolare n. 13/E/2018, infatti, l’Agenzia ha ritenuto che il file fattura, predisposto in conformità alle regole tecniche dettate dal provvedimento del 30 aprile 2018 ed inviato con un minimo ritardo, comunque tale da non pregiudicare la corretta liquidazione dell’IVA, costituisce violazione non punibile. L’IVA relativa a queste fatture, ha ulteriormente precisato l’Agenzia, può essere detratta a decorrere dalla liquidazione IVA relati...

Fatturazione elettronica, moratoria sanzioni elastica

20/11/2018 -  Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

Il periodo di moratoria delle sanzioni previsto i primi sei mesi dall’entrata in vigore della fatturazione elettronica potrebbe avere effetti anche dopo il 30 giugno 2019. È questa una delle conseguenze del decreto fiscale collegato alla legge di Bilancio 2019 che ammette, per il primo semestre 2019, la possibilità di correggere l’errata emissione della fattura cartacea mediante emissione della fattura elettronica entro la prima o la seconda liquidazione IVA, rispettivamente senza sanzioni o con la sanzione del 20%. Ma quale data deve riportare la fattura elettronica? Sembra possibile sostenere che il documento debba riportare la data di effettuazione dell’ope...

Fattura elettronica: dal 2019 semplificazioni solo parziali

23/05/2018 -  Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

L’introduzione dell’obbligo generalizzato della fatturazione elettronica nei rapporti tra privati dal 1° gennaio 2019 non porterà con sé le semplificazioni sperate. A decorrere da tale data, infatti, è prevista solo l’abrogazione dell’invio dello spesometro e la riduzione dei termini dell’accertamento, che da 5 passano a 3 anni, ma solo nel caso in cui i pagamenti effettuati e ricevuti di importo superiore a 500 euro avvengano attraverso canali tracciati. L’auspicio, ancora una volta, è che quello che dovrebbe essere uno strumento di ausilio non si trasformi nell’ennesimo boomerang per i contribuenti, in termini di agg...

Operazioni transfrontaliere senza fatturazione elettronica

17/05/2018 -  Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

L’obbligo della fatturazione elettronica - in vigore nei rapporti tra i privati dal 1° gennaio 2019 - si applica alle sole operazioni domestiche, non estendendosi anche alle operazioni transfrontaliere. Con riferimento a tali operazioni trova applicazione la comunicazione dei dati indicati nelle fatture emesse e ricevute, da inviare all’Agenzia delle Entrate entro la fine del mese successivo a quello di emissione e/o ricezione delle fatture. Le imprese si trovano, così, a fare i conti con un doppio binario di gestione delle operazioni poste in essere. La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati del Quotidiano Ipsoa, per maggiori informazioni cli...

La fattura elettronica debutta (anche) con un’app

03/05/2018 -  Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

Con il provvedimento dell’Agenzia delle Entrate n. 89757/2018 sono state definite le regole tecniche per l’emissione e la ricezione delle fatture elettroniche per le cessioni di beni e le prestazioni di servizi effettuate tra soggetti residenti nel territorio dello Stato, utilizzando il Sistema di Interscambio-SdI. L’obbligo della fatturazione elettronica decorre dal 1° gennaio 2019. Diversi sono i canali previsti per digitalizzare il processo di emissione, trasmissione e conservazione delle fatture emesse nelle transazioni tra privati. Oltre all’app dedicata, le Entrate mettono a disposizione anche una procedura web e un software da installare su PC. ...

La fatturazione elettronica porta la precompilata IVA

20/10/2017 -  Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

Dichiarazione IVA precompilata per gli esercenti arti e professioni a seguito dell’introduzione dell’obbligo della fattura elettronica tra privati dal 1° gennaio 2019. È una delle misure di contrasto al fenomeno dell’evasione fiscale previste dal disegno di legge di Bilancio 2018, volta ad incentivare il ricorso alla fatturazione elettronica nei rapporti B2B. Non solo: l’Agenzia delle Entrate metterà a disposizione anche le bozze dei modelli F24 per il pagamento delle imposte e gli elementi necessari per effettuare le eventuali liquidazioni periodiche IVA; verrà meno, infine, l’obbligo di tenuta dei registri IVA vendite ed IVA acquisti e...


Newsletter

 
Generale e alert

 
Newsletter

Note legali

Morri Rossetti e Associati – Studio Legale e Tributario

Sede legale in Piazza Duse n. 2, Milano, 20122.

C.F. e P. IVA n. 04110250968.

Copyright

Morri Rossetti e Associati – Studio Legale e Tributario opera come associazione professionale sottoposta alla legge italiana.

I contenuti e le informazioni del presente sito sono pubblicati a scopo esclusivamente informativo e divulgativo; si precisa inoltre che gli stessi:

  • non costituiscono un parere legale o altro tipo di consulenza professionale;
  • non sono volti a fini commerciali o all’instaurazione di relazioni con i clienti.

Si declina ogni responsabilità in merito ad azioni o omissioni derivanti dall’utilizzo improprio e all’abuso delle informazioni e degli articoli contenuti nel presente sito.

I contenuti pubblicati nel presente sito sono protetti da diritto di autore, in base alle disposizioni nazionali e delle convenzioni internazionali, e sono di titolarità esclusiva di Morri Rossetti e Associati.

Ogni comunicazione e diffusione al pubblico e ogni riproduzione parziale o integrale, se non effettuata a scopo meramente personale, dei contenuti presenti nel sito richiede la preventiva autorizzazione di Morri Rossetti e Associati.

Accetti termini e codizioni