“Netto frontiera” e diritto unionale

27/07/2021 -  Francesco Nicolosi

Fiscalità internazionale

Secondo l’Agenzia delle Entrate, il cd. “netto frontiera” trova applicazione solamente con riferimento ai dividendi esteri percepiti tramite intermediari residenti in Italia. In caso di intervento di intermediari non residenti, la ritenuta viene calcolata al lordo delle imposte estere. È plausibile che tale disparità di trattamento rappresenti una restrizione alla libertà di circolazione dei capitali. Sulla base di tale considerazione, la “Commissione per l’esame della compatibilità di leggi e prassi tributarie italiane con il diritto dell’Unione europea”, presso l’Associazione italiana dei dottori commercialisti ha,...

UK Resident non domiciled non titolato ai benefici convenzionali

21/07/2021 -  Guido Pampaloni

Fiscalità internazionale

Il contribuente che si qualifichi come Non-Domiciled Resident nel Regno Unito non gode dei benefici recati dalla Convenzione contro le doppie imposizioni in vigore tra Italia e Regno Unito. È quanto affermato dalla Suprema Corte nell’ambito della Sent. 15 luglio 2021, n. 20140. La questione in esame si colloca nell’ambito di una complessa vicenda processuale. Il contribuente veniva raggiunto da un avviso di accertamento basato, tra le altre cose, sul disconoscimento della residenza inglese e sull’affermazione di quella italiana. Il contribuente censurava in sede di ricorso al Giudice di legittimità la mancata applicazione dei criteri convenzionali di risoluzio...

Distribuzioni da Trust opachi non residenti: questioni problematiche e problemi irrisolti

14/07/2021 -  Francesco Nicolosi

Fiscalità internazionale

L'art. 13 del D.L. 26 ottobre 2019, n. 124 ha modificato l'art. 44, comma 1, lett. g-sexies TUIR, inserendo una disposizione che prevede, in estrema sintesi, la tassazione dei redditi corrisposti a residenti italiani da trust opachi black list. La nuova norma risolve alcune tematiche che in passato avevano interessato i trust opachi non residenti. Tuttavia, tale norma determina a propria volta alcune questioni in relazione alle quali sarebbe opportuno un chiarimento.L'articolo è pubblicato in forma integrale sulla Rivista di Diritto Tributario.

Proventi derivanti da OICR immobiliari italiani esenti da ritenuta anche nel caso di percezione “mediata” da parte di OICR esteri “white list”

29/06/2021 -  Guido Pampaloni

Fiscalità internazionale

L’Agenzia delle Entrate, nell’ambito della risposta ad interpello n. 409 del 16 giugno 2021, ha fornito alcuni chiarimenti in merito all’esenzione da ritenuta sui proventi distribuiti da OICR immobiliari italiani di cui all’articolo 7, comma 3, del D.L. 25 settembre 2001, n. 351, prevista in favore di OICR esteri istituiti in Stati white list. Tale esenzione, secondo l’Agenzia, trova applicazione anche qualora l’investitore partecipi al fondo immobiliare attraverso veicoli societari che detengono le quote del fondo. L’istanza di interpello concerne una società di gestione del risparmio (“SGR”) che ha istituito in Italia un fondo di...

La giurisdizione sui vizi dell’atto di recupero del credito tributario nell’ambito degli accordi internazionali contro le doppie imposizioni - Commento a Cass. civ., Sez. V, ordinanza 24 maggio 2021, n. 14155

18/06/2021 -  Andrea Petracca

Fiscalità internazionale

Con l’ordinanza in commento, la Corte di Cassazione si è espressa in merito al riparto di giurisdizione tra giudice italiano e giudice straniero, relativamente all’impugnazione dell’atto con il quale il concessionario della riscossione ha richiesto il pagamento del tributo dovuto in uno Stato, con il quale l’Italia ha stipulato una convenzione per evitare le doppie imposizioni.La vicenda trae origine dalla notifica di un avviso di mora, ad opera del concessionario italiano, per un presunto debito gravante sul contribuente nei confronti del fisco belga. L’atto era stato emesso in forza dell’art. 27 della Convenzione tra la Repubblica Italiana e il Re...

La remunerazione arm’s lenght di taluni servizi infragruppo – commento a CTR Lombardia, sez. 3, sentenza 8 aprile 2021, n. 1373/3/2021

08/06/2021 -  Riccardo Cattaneo

Fiscalità internazionale

La Commissione tributaria regionale della Lombardia (“CTR”), con la sentenza in commento, fissa due importanti principi in tema di transfer pricing.In primo luogo, viene ribadito che i servizi resi da un soggetto terzo indipendente direttamente nei confronti di una società del gruppo residente all’estero – con l’intervento dell’impresa italiana associata, che svolge la funzione di service provider, in qualità di mera “intermediaria” tra l’utilizzatrice del servizio e l’impresa terza prestatrice – non danno luogo a maggiori corrispettivi intercompany, se la service provider medesima si limita a riaddebitare il sol...

Livello di tassazione delle società estere, ai fini della disciplina CFC – Agenzia delle Entrate, Principi di diritto 6 aprile 2021, nn. 5, 8 e 9

04/06/2021 -  Francesco Nicolosi

Fiscalità internazionale

I Principi di diritto Agenzia delle Entrate 6 aprile 2021, nn. 5, 8 e 9 esaminano alcune tematiche applicative relative al regime CFC ex art. 167 del testo unico delle imposte sui redditi di cui al d.P.R. 22 dicembre 1986, n. 917 (“TUIR”) vigente prima dell'intervento del d.lgs. 29 novembre 2018, n. 142 (c.d. “Decreto ATAD”). In particolare, le risposte 5 e 8 concernono il confronto tra il livello di tassazione effettivo estero e quello virtuale italiano ai fini della c.d. “CFC White” ex art. 167, comma 8-bis, del TUIR. La risposta n. 9 concerne invece il confronto tra aliquota nominale italiana ed aliquota estera ai fini dell’applicazione della c.d....

La forma giuridica assunta da un OICVM estero non autorizza un trattamento fiscale diverso da quello previsto per gli OICVM nazionali – Commento a Sentenza CGUE del 29 aprile 2021 (causa C-480/19)

31/05/2021 -  Andrea Petracca

Fiscalità internazionale

Con la sentenza in commento, la Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha statuito che i rendimenti derivanti dalla partecipazione in un OICVM estero, ancorché connotato da una forma giuridica diversa da quella che contraddistingue gli OICVM nazionali, non possono essere oggetto di un’imposizione fiscale differente rispetto ai rendimenti distribuiti da fondi domestici; ciò perché contrario al principio di libera circolazione dei capitali, di cui agli artt. 63 ss. TFUE.Il caso esaminato dalla CGUE verteva su un cittadino, persona fisica, di nazionalità finlandese che aveva investito in una SICAV di diritto lussemburghese, da cui percepiva annualmente i ...

L’esenzione da ritenuta per i dividendi di fonte italiana percepiti da fondi UE/SEE prescinde dalla qualificazione del fondo come “persona residente” ai fini convenzionali – Commento a Agenzia delle Entrate, risposta ad interpello 11 maggio 2021, n. 327

25/05/2021 -  Guido Pampaloni

Fiscalità internazionale

Con la risposta ad interpello n. 327 dell’11 maggio 2021, l’Agenzia delle Entrate fornisce un’interessante interpretazione circa i presupposti soggettivi di applicazione della neo-introdotta ipotesi di esenzione da ritenuta dei dividendi corrisposti da società ed enti commerciali residenti a fondi di investimento istituiti in Stati membri dell'Unione europea e negli Stati aderenti all’Accordo sullo spazio economico europeo che consentono un adeguato scambio di informazioni. In termini generali, ai sensi dell’art. 27, comma 3, del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, le società e gli enti residenti applicano una ritenuta del 26% sui dividendi corrispos...

Novità sulla TP DOC – Agenzia delle Entrate, provvedimento 23 novembre 2020, prot. 0360494

20/05/2021 -  Riccardo Cattaneo

Fiscalità internazionale

L’Agenzia delle Entrate, con provvedimento 23 novembre 2020, prot. 0360494 (“Provvedimento”), ha aggiornato le proprie indicazioni in merito alla c.d. “TP DOC”. Trattasi, come noto, della documentazione idonea a consentire il riscontro della conformità al principio di libera concorrenza (“arm’s lenght principle”) dei prezzi di trasferimento praticati dalle imprese multinazionali, ai sensi dell’articolo 110, comma 7, del TUIR. Tale set documentale è composto, in estrema sintesi, da a) Masterfile, che contiene le informazioni relative al gruppo multinazionale nel suo complesso; e b) Country File, che invece raccoglie le inform...


Newsletter

 
Generale e alert

 
Newsletter

Note legali

Morri Rossetti e Associati – Studio Legale e Tributario

Sede legale in Piazza Duse n. 2, Milano, 20122.

C.F. e P. IVA n. 04110250968.

Copyright

Morri Rossetti e Associati – Studio Legale e Tributario opera come associazione professionale sottoposta alla legge italiana.

I contenuti e le informazioni del presente sito sono pubblicati a scopo esclusivamente informativo e divulgativo; si precisa inoltre che gli stessi:

  • non costituiscono un parere legale o altro tipo di consulenza professionale;
  • non sono volti a fini commerciali o all’instaurazione di relazioni con i clienti.

Si declina ogni responsabilità in merito ad azioni o omissioni derivanti dall’utilizzo improprio e all’abuso delle informazioni e degli articoli contenuti nel presente sito.

I contenuti pubblicati nel presente sito sono protetti da diritto di autore, in base alle disposizioni nazionali e delle convenzioni internazionali, e sono di titolarità esclusiva di Morri Rossetti e Associati.

Ogni comunicazione e diffusione al pubblico e ogni riproduzione parziale o integrale, se non effettuata a scopo meramente personale, dei contenuti presenti nel sito richiede la preventiva autorizzazione di Morri Rossetti e Associati.

Accetti termini e codizioni