Omologa del concordato: causa di rettifica della detrazione IVA

 - 

Tax advisory and tax compliance

L’omologazione definitiva di un concordato preventivo che dispone la riduzione delle somme pagate dal debitore ai propri fornitori a titolo di IVA, costituisce causa al ricorrere della quale è necessario rettificare l’ammontare dell’IVA detratta. Hanno così concluso i giudici unionali, con la sentenza relativa alla causa C-396/16, depositata il 22 febbraio 2018, statuendo che l’articolo 185, paragrafo 1 della Direttiva n. 2006/112/UE deve essere interpretato nel senso che la riduzione delle obbligazioni di un debitore risultante dall’omologazione definitiva di un concordato costituisce un mutamento degli elementi presi in considerazione per determinare l’importo delle detrazioni. La fattispecie esaminata dalla Corte era relativa ad una società slovena nei cui confronti il competente tribunale aveva provveduto ad omologare il concordato, riducendo così al 40% l’importo dei debiti da pagare. Di conseguenza, la locale Amministrazione finanziaria aveva ritenuto che detta società avrebbe dovuto rettificare l’IVA originariamente detratta; di contro la società eccepiva che l’omologazione del concordato non costituisse un mutamento degli elementi presi in considerazione per determinare l’importo delle detrazioni, bensì una fattispecie non prevista dalla normativa locale.

La lettura integrale del commento è riservata agli abbonati della rivista Il fisco.