Operazioni oggettivamente inesistenti: onere della prova a carico del contribuente

Tax litigation

Spetta al contribuente l’onere di provare la legittima deduzione dei costi e il diritto alla detrazione IVA, in relazione ad importi fatturati per operazioni considerate dal fisco come oggettivamente inesistenti. È questa la conclusione alla quale è giunta la Commissione tributaria provinciale di Milano, con la sentenza n. 2081/2018, nella quale ha statuito che il contribuente deve dimostrare la non fittizietà dell’operazione posta in essere, non essendo la mera esibizione delle fatture, né la sola dimostrazione della regolarità delle scritture contabili o dei mezzi di pagamento adoperati, sufficienti a dimostrare l’esistenza di un’operazione in realtà fittizia.

Rif. Commissione tributaria provinciale di Milano, sentenza n. 2081/2018, depositata il 14 maggio 2018