1° marzo 2017: nuovo modello di dichiarazione d’intento

Consulenza tributaria e tax compliance

Dal 1° marzo 2017 gli esportatori abituali devono utilizzare il nuovo modello di dichiarazione d’intento, approvato con Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate del 2 dicembre 2016, per effettuare acquisti o importazioni di beni senza applicazione dell’IVA.

Per le operazioni d’acquisto effettuate fino al 28 febbraio 2017 occorre, invece, utilizzare il modello attualmente vigente.

Al fine di gestire la transizione dal vecchio al nuovo modello, l’Agenzia delle entrate, con la Risoluzione n. 120/E/2016, ha reso i seguenti chiarimenti:

  1. il vecchio modello di dichiarazione d’intento resta valido per tutto il 2017, a condizione che siano stati compilati il campo 1una sola operazione per un importo fino a euro” o il campo 2operazioni fino a concorrenza di euro”;
  2. il vecchio modello di dichiarazione d’intento è valido solo per le operazioni poste in essere fino al 28 febbraio 2017, se invece sono stati compilati i campi 3 e 4operazioni comprese nel periodo da”. In tal caso, per le operazioni d’acquisto poste in essere dal 1° marzo 2017 occorre presentare una nuova dichiarazione d’intento, utilizzando il nuovo modello.

Si segnala, infine, che il soggetto che riceve la dichiarazione d’intento deve prestare particolare attenzione alla verifica dell’importo complessivamente fatturato senza IVA, il quale non deve mai eccedere quanto indicato nella dichiarazione stessa.

Infatti, nel caso in cui l’esportatore abituale voglia acquistare senza l’applicazione dell’IVA per un importo superiore a quello indicato nella dichiarazione d’intento, deve presentarne una nuova, indicando esclusivamente l’ulteriore importo rispetto a quello precedentemente riportato, fino a concorrenza del quale intende continuare ad effettuare acquisti senza IVA.

Rif.    Provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate del 2 dicembre 2016; Risoluzione 22 dicembre 2016, n. 120/E