La riquaficazione degli atti ai fini dell’imposta di registro: i chiarimenti di Assonime

 - 

Consulenza tributaria e tax compliance

Assonime, nella circolare n. 3 del 6 febbraio 2018, ha illustrato le modifiche apportate dalla Legge di Bilancio per il 2018 alla formulazione dell’art. 20 del D.P.R. n. 131/1986, in merito alla corretta applicazione dell’imposta di registro agli atti presentati alla registrazione. In particolare, Assonime si è soffermata, dopo aver fornito un completo excursus storico della norma e delle interpretazioni che della stessa sono state fornite dalla giurisprudenza e dalla prassi, sulla portata della norma in parola, ossia se la stessa abbia carattere innovativo o interpretativo. Anche in considerazione delle conclusioni alle quali sono giunti i giudici di legittimità, con la recente sentenza n. 2007/2018 e dei chiarimenti resi dall’Agenzia delle Entrate, in occasione di un incontro con la stampa specializzata lo scorso 1° febbraio, Assonime ha concluso che la nuova formulazione del più volte citato art. 20 del TUR si applica con riferimento all’attività di liquidazione dell’imposta effettata dagli Uffici dell’Agenzia a decorrere dal 1° gennaio 2018, e quindi anche agli atti presentati per la registrazione prima di tale data ma ad oggi non ancora oggetto di contestazione.

La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati di MySolution, per maggiori informazioni clicca qui.