Split payment: pubblicati gli elenchi validi per il 2018

Consulenza tributaria e tax compliance

Il Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF) ha pubblicato lo scorso 19 dicembre 2017 gli elenchi aggiornati dei soggetti interessati dall’applicazione del meccanismo dello split payment – di cui all’articolo 17-ter del DPR n. 633/1972 - validi per l’anno 2018.

A tal proposito si precisa che, a seguito delle modifiche apportate dal DL n. 148/2017, convertito, con modificazioni, dalla legge n. 172/2017, dal 1° gennaio 2018 il meccanismo dello split payment si applica alle cessioni di beni e alle prestazioni di servizi effettuate nei confronti di:

  • Pubbliche Amministrazioni;
  • Società controllate di fatto, direttamente o indirettamente, dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri e dai Ministeri;
  • Enti o Società controllate, direttamente o indirettamente, dalle Amministrazioni Centrali;
  • Enti o Società controllate, direttamente o indirettamente, dalle Amministrazioni Locali;
  • Enti o Società controllate, direttamente o indirettamente, dagli Enti Nazionali di Previdenza e Assistenza;
  • Enti, fondazioni o società partecipate, direttamente o indirettamente, per una percentuale complessiva del capitale non inferiore al 70%, dalle Amministrazioni Pubbliche;
  • Società quotate inserite nell’indice FTSE MIB della Borsa Italiana.

Detti elenchi non riguardano le Pubbliche Amministrazioni, poiché per l’individuazione delle stesse occorre fare riferimento all’elenco pubblicato all’interno del sito dell’Indice delle Pubbliche Amministrazioni (www.indicepa.gov.it).

Gli elenchi aggiornati possono essere consultati sul sito del MEF, Dipartimento delle Finanze, ed è possibile effettuare la ricerca di:

- fondazioni;

- enti pubblici;

- società;

presenti negli stessi tramite l’inserimento del codice fiscale.

(http://www1.finanze.gov.it/finanze2/split_payment/public)

 

Fatta eccezione per le società che sono quotate nell’indice FTSE MIB, i soggetti interessati hanno la possibilità di segnalare eventuali mancate o errate inclusioni fornendo idonea documentazione a supporto ed esclusivamente mediante il modulo di richiesta.