S.r.l.: l’azione di responsabilità da parte del curatore secondo il Tribunale di Roma

 - 

Crisi d'impresa

Il Tribunale di Roma, con sentenza n. 3398 del 21 febbraio 2017, si è recentemente espresso sul tema delle azioni di responsabilità esperibili dal curatore fallimentare di una S.r.l. ex art. 146 l.fall., analizzando limiti e caratteristiche della disposizione in esame.

La pronuncia in analisi – dal tenore alquanto articolato – si sofferma sulla trattazione di diverse questioni, da sempre oggetto di acceso dibattito giurisprudenziale e dottrinale. In particolare:

  1. l’applicabilità alle S.r.l. dell’azione di responsabilità riservata ai creditori sociali di S.p.a. ex art. 2394 c.c.;
  2. la legittimazione del curatore di una S.r.l. fallita all’esercizio, ex art. 146 l.fall., della predetta azione ex art. 2394 c.c.;
  3. l’individuazione del relativo giudice competente;
  4. l’opponibilità al fallimento della clausola compromissoria prevista nello statuto di S.r.l.


La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati de Il Quotidiano giuridico, per maggiori informazioni clicca qui.