Voluntary disclosure bis: quando è possibile aderire

 - 

Consulenza tributaria e tax compliance

L’istanza tardiva presentata dal contribuente in relazione alla precedente edizione della procedura di voluntary disclosure non preclude l’accesso alla nuova edizione prevista dal decreto fiscale collegato alla legge di Bilancio 2017. Infatti, dovendosi considerare come inammissibile l’istanza perché tardivamente presentata, l’autore della violazione potrà accedere alla riapertura dei termini della procedura di collaborazione volontaria, purché sussistano le condizioni normativamente previste. È questo uno dei chiarimenti resi dall’Agenzia delle entrate nella circolare n. 19/E del 12 giugno 2017, con la quale sono state fornire indicazioni operative in ordine alla voluntary disclosure bis.

La lettura integrale dell'articolo è riservata agli abbonati del Quotidiano Ipsoa, per maggiori informazioni clicca qui.

Voluntary bis