La forma giuridica assunta da un OICVM estero non autorizza un trattamento fiscale diverso da quello previsto per gli OICVM nazionali – Commento a Sentenza CGUE del 29 aprile 2021 (causa C-480/19)

31/05/2021 -  Andrea Petracca

Fiscalità internazionale

Con la sentenza in commento, la Corte di Giustizia dell’Unione Europea ha statuito che i rendimenti derivanti dalla partecipazione in un OICVM estero, ancorché connotato da una forma giuridica diversa da quella che contraddistingue gli OICVM nazionali, non possono essere oggetto di un’imposizione fiscale differente rispetto ai rendimenti distribuiti da fondi domestici; ciò perché contrario al principio di libera circolazione dei capitali, di cui agli artt. 63 ss. TFUE.Il caso esaminato dalla CGUE verteva su un cittadino, persona fisica, di nazionalità finlandese che aveva investito in una SICAV di diritto lussemburghese, da cui percepiva annualmente i ...

"Oltre la crisi: il pagamento dei tributi mediante cessione di beni culturali"

31/05/2021 -  Davide Rossetti, Giuseppe Violetta

Consulenza tributaria e tax compliance

La legge 2 agosto 1982, n.512, al fine di rendere la gestione del patrimonio artistico e culturale meno avulsa (1) rispetto al sistema economico e produttivo del Paese, ha previsto per i contribuenti che dispongono di beni di interesse culturale di poter assolvere all'obbligazione tributaria mediante la loro cessione. Nello specifico, è stata introdotta la possibilità per il contribuente - o, meglio, per il soggetto tenuto al pagamento delle imposte (2) - di estinguere i debiti relativi all'imposta di successione (ex art. 6 della leg­ ge n. 512/1982) e alle imposte dirette (ex art. 7 della medesima legge) mediante pagamento in natura, at­traverso la cessione di ben...

L’esenzione da ritenuta per i dividendi di fonte italiana percepiti da fondi UE/SEE prescinde dalla qualificazione del fondo come “persona residente” ai fini convenzionali – Commento a Agenzia delle Entrate, risposta ad interpello 11 maggio 2021, n. 327

25/05/2021 -  Guido Pampaloni

Fiscalità internazionale

Con la risposta ad interpello n. 327 dell’11 maggio 2021, l’Agenzia delle Entrate fornisce un’interessante interpretazione circa i presupposti soggettivi di applicazione della neo-introdotta ipotesi di esenzione da ritenuta dei dividendi corrisposti da società ed enti commerciali residenti a fondi di investimento istituiti in Stati membri dell'Unione europea e negli Stati aderenti all’Accordo sullo spazio economico europeo che consentono un adeguato scambio di informazioni. In termini generali, ai sensi dell’art. 27, comma 3, del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600, le società e gli enti residenti applicano una ritenuta del 26% sui dividendi corrispos...

Novità sulla TP DOC – Agenzia delle Entrate, provvedimento 23 novembre 2020, prot. 0360494

20/05/2021 -  Riccardo Cattaneo

Fiscalità internazionale

L’Agenzia delle Entrate, con provvedimento 23 novembre 2020, prot. 0360494 (“Provvedimento”), ha aggiornato le proprie indicazioni in merito alla c.d. “TP DOC”. Trattasi, come noto, della documentazione idonea a consentire il riscontro della conformità al principio di libera concorrenza (“arm’s lenght principle”) dei prezzi di trasferimento praticati dalle imprese multinazionali, ai sensi dell’articolo 110, comma 7, del TUIR. Tale set documentale è composto, in estrema sintesi, da a) Masterfile, che contiene le informazioni relative al gruppo multinazionale nel suo complesso; e b) Country File, che invece raccoglie le inform...

Aliquota applicabile alla CFC in caso di perdita fiscale della controllante: commento alla Cass. civ., sez. V, sent. 02-02-2021, n. 2220

18/05/2021 -  Andrea Petracca

Fiscalità internazionale

Con la pronuncia in commento la Corte di Cassazione, confermando il proprio orientamento, fornisce alcune indicazioni in merito all’aliquota applicabile al reddito imputabile per trasparenza in applicazione della disciplina CFC. Il caso esaminato riguardava una società residente in Italia, la quale, con riferimento al periodo di imposta 2005 aveva imputato per trasparenza i redditi prodotti dalla controllata estera, in applicazione spontanea della CFC-rule. Tali redditi erano stati assoggettati ad imposizione sostitutiva con aliquota al 27%. Il comportamento del contribuente contrastava con le indicazioni dell’Agenzia delle Entrate. In base alla disciplina al tempo vigente...

Concorso nel reato tributario del consulente fiscale

17/05/2021 -  Francesco Rubino

Diritto penale dell’economia e dell’impresa

La Corte di Cassazione, sezione IV penale, con sentenza del 16 dicembre 2020 (dep. 15 aprile 2021), n. 14202 è tornata ad affrontare il delicato tema del concorso del consulente fiscale nel reato posto in essere dal titolare di una società. La pronuncia in esame costituisce l’occasione per soffermare l’attenzione sui principi di diritto che regolano la materia del concorso del professionista e in particolare sulla necessità per l’Accusa di individuare una reale partecipazione nella forma un contributo consapevole, seriale e ripetitivo del consulente fiscale che può sostanziarsi in un concorso morale o anche solo materiale. In particolare, al fine...

Autenticità e copyright. Il caso del Basquiat trasformato in NFT

14/05/2021 -  Federica Minio

Diritto dell’arte e dei beni culturali

Il comunicato stampa di qualche giorno fa sembrava parlare chiaro: dal 26 al 30 aprile scorsi avrebbe dovuto essere venduto all’asta, attraverso la piattaforma online OpenSea, il disegno di Jean-Michel Basquiat Free Comb with Pagoda (1986), nonché il relativo NFT (Non Fungible Token), con base d’asta di un Ethereum (circa 2.500 dollari).Nel comunicato si leggeva che l’opera “fisica” di Basquiat – il disegno per intenderci – e la sua firma erano stati certificati dal comitato di autentificazione dell’Estate of Jean-Michel Basquiat, e che insieme al token sarebbero stati acquistati dal miglior offere...

Eventuale applicazione della PEX in caso di trasferimento all’estero di una holding – Principio di diritto 11 maggio 2021, n. 10

12/05/2021 -  Francesco Nicolosi

Fiscalità internazionale

Nel principio di diritto in esame, l’Agenzia delle Entrate fornisce alcuni chiarimenti in merito conseguenze fiscali derivanti dal trasferimento all’estero di una holding. Ai sensi dell’art. 166 del TUIR, il trasferimento di sede all’estero di una società genera una plusvalenza, con riferimento ai beni che non confluiscono in una stabile organizzazione nel territorio dello Stato. Tale plusvalenza deve essere "unitariamente determinata". Essa è in particolare pari alla differenza tra il valore di mercato complessivo e il corrispondente costo fiscalmente riconosciuto delle attività e passività non confluite nel patrimonio di una stabile organ...

"Liability to tax” come presupposto per la fruizione dei benefici convenzionali: commento alla Cass. civ. Sez. V, Ord., 27-04-2021, n. 11035

10/05/2021 -  Guido Pampaloni

Fiscalità internazionale

La questione sottoposta al vaglio di legittimità della Suprema Corte nell’ambito della pronuncia de qua concerne l’applicazione o meno dell’art. 18 della Convenzione bilaterale Italia - Regno Unito (“Convenzione” o “Trattato”), ad un soggetto, residente nel Regno Unito, anche ove, in concreto, ivi non assoggettato ad imposta. Si rammenta, a tale riguardo, che ai sensi dell’art. 3, primo comma del TUIR, sono soggetti ad imposta in Italia i redditi prodotti nel territorio dello Stato e percepiti da soggetti non residenti. Inoltre, in ossequio a quanto disposto dall’art. 23, secondo comma, lett. a) del TUIR, le pensioni percepite da s...

Documenti rinvenuti dall’A.F. in una valigetta aperta senza autorizzazione: sono utilizzabili?

07/05/2021 -  Fabrizio Pacchiarotti

Contenzioso tributario

Il caso dedotto in giudizio Con l'Ordinanza interlocutoria - Cass. 22 aprile 2021 n. 10664 - la Sezione Tributaria ha rimesso al Primo Presidente, per l'eventuale assegnazione alle Sezioni Unite, la valutazione della questione inerente all'utilizzabilità degli elementi documentali rinvenuti in sede diverifica all'interno di una valigetta aperta da un verificatore su autorizzazione proveniente dal contribuente (o da un suo rappresentante), ma in assenza della preventiva autorizzazione dell'A.G. e senza averlo prima reso edotto della facoltà di farsi assistere da un professionista abilitato alla&nb...


Newsletter

 
Generale e alert

 
Newsletter

Note legali

Morri Rossetti e Associati – Studio Legale e Tributario

Sede legale in Piazza Duse n. 2, Milano, 20122.

C.F. e P. IVA n. 04110250968.

Copyright

Morri Rossetti e Associati – Studio Legale e Tributario opera come associazione professionale sottoposta alla legge italiana.

I contenuti e le informazioni del presente sito sono pubblicati a scopo esclusivamente informativo e divulgativo; si precisa inoltre che gli stessi:

  • non costituiscono un parere legale o altro tipo di consulenza professionale;
  • non sono volti a fini commerciali o all’instaurazione di relazioni con i clienti.

Si declina ogni responsabilità in merito ad azioni o omissioni derivanti dall’utilizzo improprio e all’abuso delle informazioni e degli articoli contenuti nel presente sito.

I contenuti pubblicati nel presente sito sono protetti da diritto di autore, in base alle disposizioni nazionali e delle convenzioni internazionali, e sono di titolarità esclusiva di Morri Rossetti e Associati.

Ogni comunicazione e diffusione al pubblico e ogni riproduzione parziale o integrale, se non effettuata a scopo meramente personale, dei contenuti presenti nel sito richiede la preventiva autorizzazione di Morri Rossetti e Associati.

Accetti termini e codizioni