“Netto frontiera” e diritto unionale

27/07/2021 -  Francesco Nicolosi

Fiscalità internazionale

Secondo l’Agenzia delle Entrate, il cd. “netto frontiera” trova applicazione solamente con riferimento ai dividendi esteri percepiti tramite intermediari residenti in Italia. In caso di intervento di intermediari non residenti, la ritenuta viene calcolata al lordo delle imposte estere. È plausibile che tale disparità di trattamento rappresenti una restrizione alla libertà di circolazione dei capitali. Sulla base di tale considerazione, la “Commissione per l’esame della compatibilità di leggi e prassi tributarie italiane con il diritto dell’Unione europea”, presso l’Associazione italiana dei dottori commercialisti ha,...

Pro rata: l'IVA indetraibile è deducibile per cassa nell'anno del pagamento

23/07/2021 -  Fabrizio Pacchiarotti

Contenzioso tributario

L'IVA indetraibile per effetto del pro rata disciplinato dall'art. 19 c. 5 DPR 633/72 (Decreto IVA) rappresenta una componente negativa del reddito di impresa, pertanto è interamente deducibile per cassa nell'anno del pagamento.È questo, in sintesi, il principio di diritto espresso dalla Corte di Cassazione nella sentenza in commento, all'esito di una controversia che ha visto una società a responsabilità limitata operante nel settore ospedaliero ricorrere avverso una pronuncia sfavorevole emessa dalla CTR Molise.L'articolo è pubblicato in forma integrale su MementoPiù.

UK Resident non domiciled non titolato ai benefici convenzionali

21/07/2021 -  Guido Pampaloni

Fiscalità internazionale

Il contribuente che si qualifichi come Non-Domiciled Resident nel Regno Unito non gode dei benefici recati dalla Convenzione contro le doppie imposizioni in vigore tra Italia e Regno Unito. È quanto affermato dalla Suprema Corte nell’ambito della Sent. 15 luglio 2021, n. 20140. La questione in esame si colloca nell’ambito di una complessa vicenda processuale. Il contribuente veniva raggiunto da un avviso di accertamento basato, tra le altre cose, sul disconoscimento della residenza inglese e sull’affermazione di quella italiana. Il contribuente censurava in sede di ricorso al Giudice di legittimità la mancata applicazione dei criteri convenzionali di risoluzio...

Somministrazione illecita di manodopera e appalti fittizi: aspetti fiscali

21/07/2021 -  Fabrizio Pacchiarotti

Contenzioso tributario

Brevi cenni introduttivi Negli ultimi anni è aumentato esponenzialmente il ricorso delle imprese a processi di esternalizzazione (outsourcing) che comportano l’affidamento a soggetti esterni di una o più fasi del ciclo produttivo, il più delle volte tramite l’impiego di contratti di appalto, ai sensi dell'art. 29 del D.Igs. n. 276/2003, caratterizzati, nella gran parte dei casi, dalla prevalenza della forza lavoro sugli altri fattori produttivi (labour intensive) ed eseguiti all’interno dello stesso perimetro aziendale dell’appaltante o committente (c.d. appalto endoaziendale). L’Ispettorato Nazionale del Lavoro (INL) ha significativamente i...

Arte e diritto. Fedez, Schifano e la Coca-Cola

15/07/2021 -  Federica Minio

Diritto della proprietà intellettuale

SE UN ARTISTA CITA UN NOTO MARCHIO COMMERCIALE, RISCHIA QUALCOSA A LIVELLO LEGALE? IN GENERE NO, E IL PERCHÉ LO SPIEGA LA NOSTRA ESPERTA. RICHIAMANDO UNA SERIE DI ESEMPI CHE DAL TORMENTONE ESTIVO “MILLE” RISALGONO FINO ALLE “BOLLICINE” DI VASCO ROSSI. Dopo che il Codacons ha chiesto lo stop del video di Mille, il tormentone estivo di Fedez, Achille Lauro e Orietta Berti – video che, in corrispondenza del momento in cui la Berti canta il ritornello “Labbra rosso Coca-Cola”, mostra chiaramente più di qualche bottiglietta della nota bevanda –, e presentato un esposto all’Antitrust e all’Istit...

Distribuzioni da Trust opachi non residenti: questioni problematiche e problemi irrisolti

14/07/2021 -  Francesco Nicolosi

Fiscalità internazionale

L'art. 13 del D.L. 26 ottobre 2019, n. 124 ha modificato l'art. 44, comma 1, lett. g-sexies TUIR, inserendo una disposizione che prevede, in estrema sintesi, la tassazione dei redditi corrisposti a residenti italiani da trust opachi black list. La nuova norma risolve alcune tematiche che in passato avevano interessato i trust opachi non residenti. Tuttavia, tale norma determina a propria volta alcune questioni in relazione alle quali sarebbe opportuno un chiarimento.L'articolo è pubblicato in forma integrale sulla Rivista di Diritto Tributario.

Società di comodo e libertà di stabilimento: parola alla Corte di Giustizia UE

13/07/2021 -  Fabrizio Pacchiarotti

Contenzioso tributario

Con l'ordinanza interlocutoria in commento, la Cassazione ha rimesso alla Corte di Giustizia la questione pregiudiziale relativa al carattere ostativo o meno degli artt. 18 (divieto di discriminazione in base alla nazionalità) e 49 (divieto di restrizioni alla libertà di stabilimento) del Trattato sul Funzionamento dell'Unione Europea (TFUE) rispetto all'art. 30 c. 1 n. 5 L. 724/94 (nella formulazione previgente rispetto alle modifiche apportate dalla L. 296/2006), nella parte in cui esclude “dal regime fiscale antielusivo delle società non operative […] le sole società ed enti i cui titoli s...

L’accertamento sulla residenza deve basarsi sulla collaborazione leale tra Comune e richiedente

08/07/2021 -  Davide Rossetti, Fabrizio Pacchiarotti

Contenzioso tributario

Il luogo di residenza di una persona è individuato dall’interazione di due elementi: lapermanenza perun tempo apprezzabile nel territorio di un determinato Comune (elemento oggettivo) e la volontà di fissarvi stabilmente la propria dimora (elemento soggettivo). Il luogo di residenza non muta per effetto di allontanamenti dall’ambito comunale più o meno prolungati, purché la persona torni sistematicamente alla propria dimora abituale non appena possibile e vi mantenga il centro delle proprie relazioni familiari e sociali. Gli accertamenti finalizzati alla verifica della sussistenza della residenza nel Comune devono essere condotti in base al princi...

Domicilio e residenza fiscale: legami personali da soppesare con altri elementi

06/07/2021 -  Fabrizio Pacchiarotti

Contenzioso tributario

Solo attraverso una valutazione globale di tutti i legami del contribuente è possibile individuare la sede del suo domicilio, per poi determinarne la residenza fiscale. Laddove i legami personali e professionali si svolgano in due Stati diversi, i primi non hanno una prevalenza automatica, ma devono essere sempre soppesati unitamente ad altri elementi. Il caso dedotto in giudizio Nel caso vagliato dalla Corte di Cassazione, un cittadino italiano si era stabilito fin dal 1987 nel Principato di Monaco, iscrivendosi all'Anagrafe dei residenti all'estero (AIRE). Nel 2008 non aveva assoggettato a tassazione in Italia i compensi percepiti come amministratore e ...


Newsletter

 
Generale e alert

 
Newsletter

Note legali

Morri Rossetti e Associati – Studio Legale e Tributario

Sede legale in Piazza Duse n. 2, Milano, 20122.

C.F. e P. IVA n. 04110250968.

Copyright

Morri Rossetti e Associati – Studio Legale e Tributario opera come associazione professionale sottoposta alla legge italiana.

I contenuti e le informazioni del presente sito sono pubblicati a scopo esclusivamente informativo e divulgativo; si precisa inoltre che gli stessi:

  • non costituiscono un parere legale o altro tipo di consulenza professionale;
  • non sono volti a fini commerciali o all’instaurazione di relazioni con i clienti.

Si declina ogni responsabilità in merito ad azioni o omissioni derivanti dall’utilizzo improprio e all’abuso delle informazioni e degli articoli contenuti nel presente sito.

I contenuti pubblicati nel presente sito sono protetti da diritto di autore, in base alle disposizioni nazionali e delle convenzioni internazionali, e sono di titolarità esclusiva di Morri Rossetti e Associati.

Ogni comunicazione e diffusione al pubblico e ogni riproduzione parziale o integrale, se non effettuata a scopo meramente personale, dei contenuti presenti nel sito richiede la preventiva autorizzazione di Morri Rossetti e Associati.

Accetti termini e codizioni