Fondo di dotazione: recenti orientamenti giurisprudenziali

03/08/2018 -  Stefano Guarino, Davide Rossetti

Fiscalità internazionale

Nel verificare l’adeguatezza del fondo di dotazione (“free capital”) delle stabili organizzazioni italiane di banche estere assumono particolare rilievo le metodologie applicate dai verificatori in sede di accertamento, generalmente orientate verso l’applicazione del Quasi Thin Capitalization Approach rispetto alle metodologie “autorizzate” dall’OCSE, in base alle quali il fondo di dotazione viene determinato applicando i principi dell’arm’s length previsti dalle Transfer Pricing Guidelines. Sebbene tale prassi accertativa abbia trovato l’avvallo della giurisprudenza, una recente pronuncia giurisprudenziale fornisce un interessante ...

Manovra correttiva, transfer pricing: rettifiche al ribasso con istanza

02/05/2017 -  Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

Rettifiche al ribasso legittime previa presentazione di un’apposita istanza. È questa una delle modifiche che la Manovra correttiva 2017 apporta alla disciplina relativa ai prezzi di trasferimento - transfer price, che permette alle società facenti parte di gruppi multinazionali di dare riconoscimento in Italia alle rettifiche in aumento dei prezzi di trasferimento fatte all’estero e divenute definitive. Tale previsione, in particolare, rientra nell’ambito del progetto di cooperative compliance che l’Agenzia delle Entrate sta cercando di attuare per creare un rapporto sempre più collaborativo tra Fisco e contribuente. Novità doppie in mat...

Country by country reporting: senza impatto diretto sul transfer pricing

13/03/2017 -  Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

Le informazioni contenute nel country by country reporting non hanno rilevanza diretta sui prezzi di trasferimento. Le rettifiche alle politiche di transfer pricing adottate dalle imprese appartenenti a gruppi multinazionali potranno essere eventualmente rettificate solo a seguiti di controlli effettuati dall’Agenzia delle Entrate. È quanto previsto dal decreto del Ministero dell’Economia e delle finanze che ha dettato le modalità, i termini e le condizioni per la presentazione della rendicontazione annuale paese per paese prevista dalla legge di Stabilità 2016. Le rettifiche sui prezzi di trasferimento da parte dell’Agenzia delle Entrate non possono ...

Documentazione transfer price, omessa comunicazione: dichiarazione integrabile?

23/11/2016 -  Mario Buzzelli

Transfer pricing e valutazioni d’azienda

L’omessa indicazione nel modello UNICO SC 2016 del possesso della documentazione relativa ai prezzi di trasferimento può essere sanata mediante la presentazione di una dichiarazione tardiva e/o di una dichiarazione integrativa a favore? Se non sembrano sussistere dubbi in merito alla possibilità di ovviare a tale dimenticanza attraverso la presentazione di una dichiarazione tardiva, altrettanto non sembra potersi dire con riferimento alla possibilità di presentare una dichiarazione integrativa. In materia sia la giurisprudenza che la prassi amministrativa non hanno assunto posizioni univoche. Tra le varie informazioni che le società di capitali erano tenute...

Transfer pricing documentation: vero incentivo per il contribuente?

15/11/2016 -  Mario Buzzelli, Roberta De Pirro

Consulenza tributaria e tax compliance

La predisposizione della transfer pricing documentation e l’indicazione del suo possesso nella dichiarazione dei redditi costituiscono un incentivo per il contribuente che, in caso di accertamento da parte dell’Agenzia delle Entrate, può beneficare della non applicazione delle sanzioni. Tuttavia, proprio la presenza di tale documentazione potrebbe rappresentare un vantaggio informatico per l’Erario nell’ambito della sua attività accertativa. Quali sono gli elementi di prova che l’Erario, da un lato, e il contribuente, dall’altro, devono addurre al fine di dimostrare la correttezza del proprio operato? La lettura integrale dell'articolo &egra...

Nuovo abuso del diritto: le garanzie procedurali possono essere estese alle contestazioni in materia di TP?

14/11/2016 -  Stefano Morri, Stefano Guarino

Consulenza tributaria e tax compliance

 L’art. 10-bis dello Statuto del contribuente ha introdotto una nuova disciplina in ambito di abuso del diritto, riportando al centro della nozione il concetto di legittimo risparmio di imposta ravvisabile ogniqualvolta il contribuente segua una disciplina fiscalmente più conveniente per realizzare un’operazione dotata di sostanza economica, senza che il risparmio fiscale sia il motivo essenziale della scelta. Indici di assenza di sostanza economica sono la non corrispondenza tra forma giuridica e sostanza economica dell’operazione e la non conformità di questa a normali logiche di mercato. La coerenza con le “logiche di mercato” deve essere v...

'Cost Plus' vs caratteristiche dei beni e mercato geografico

11/10/2016 -  Mario Buzzelli, Stefano Guarino

Consulenza tributaria e tax compliance

CTR Lombardia, Milano, 15 giugno 2016, n. 35901. MassimaIl presupposto per la valida applicazione del metodo del costo maggiorato per determinare il valore normale è che vi siano operazioni ‘similari’ sulle quali basare le comparazioni (prodotti similari e stesso mercato). Occorre che vi siano similarità del prodotto preso in esame e medesimo mercato geografico.2. Il casoUna società proponeva appello contro la sentenza della CTP di Milano con cui si confermava una ripresa a tassazione ai fini IRES a seguito di una verifica in materia transfer pricing. L’appellante contestava che l’Amministrazione finanziaria avesse impiegato il...


Newsletter

 
Generale e alert

 
Newsletter

Note legali

Morri Rossetti e Associati – Studio Legale e Tributario

Sede legale in Piazza Duse n. 2, Milano, 20122.

C.F. e P. IVA n. 04110250968.

Copyright

Morri Rossetti e Associati – Studio Legale e Tributario opera come associazione professionale sottoposta alla legge italiana.

I contenuti e le informazioni del presente sito sono pubblicati a scopo esclusivamente informativo e divulgativo; si precisa inoltre che gli stessi:

  • non costituiscono un parere legale o altro tipo di consulenza professionale;
  • non sono volti a fini commerciali o all’instaurazione di relazioni con i clienti.

Si declina ogni responsabilità in merito ad azioni o omissioni derivanti dall’utilizzo improprio e all’abuso delle informazioni e degli articoli contenuti nel presente sito.

I contenuti pubblicati nel presente sito sono protetti da diritto di autore, in base alle disposizioni nazionali e delle convenzioni internazionali, e sono di titolarità esclusiva di Morri Rossetti e Associati.

Ogni comunicazione e diffusione al pubblico e ogni riproduzione parziale o integrale, se non effettuata a scopo meramente personale, dei contenuti presenti nel sito richiede la preventiva autorizzazione di Morri Rossetti e Associati.

Accetti termini e codizioni