Licenziamento per GMO: va provato il nesso causale della limitazione dei costi tra la dedotta esigenza aziendale e il provvedimento espulsivo comminato

La ragione giustificatrice del recesso individuata nella strategia di riduzione dei costi aziendali, nel licenziamento per giustificato motivo oggettivo, deve essere effettiva. La mancanza di veridicità o la pretestuosità della motivazione inerente la soppressione della posizione lavorativa del dipendente licenziato, infatti, inficia la validità del recesso stesso.

Leggi l'articolo integrale su ilGiuslavorista